Guida agli investimenti sui mercati privati

Sul mercato debuttano nuove strategie alternative per indirizzare le risorse verso le piccole e medie imprese, che rappresentano il tessuto produttivo italiano, e supportare la ripresa post-Covid. Come funzionano e cosa bisogna sapere su questi nuovi strumenti.

Sara Silano 15/02/2021 | 08:50
Facebook Twitter LinkedIn

Pir (Piani individuali di risparmio) alternativi, Eltif (fondi europei di investimento a lungo termine) e mercati privati sono termini sempre più diffusi nell’industria degli investimenti ed associati alla possibilità di convogliare risorse verso l’economia reale, ossia le piccole e medie imprese che rappresentano il tessuto produttivo italiano. Il problema è ancora più sentito oggi con l’urgenza di ripartire dopo gli effetti devastanti prodotti dalla pandemia di Covid-19.

Tutti questi strumenti rientrano nella sfera degli investimenti illiquidi, ossia quelli per i quali, secondo la definizione Consob (comunicazione n. 9019104 del 2 marzo 2009), “sussistono difficoltà di smobilizzo entro un lasso di tempo ragionevole”. Proprio per questo motivo non sono adatti a tutti i tipi di investitori. Ad esempio, nei Pir alternativi, istituiti con il decreto Rilancio nel maggio 2020, è possibile investire 150mila euro ogni anno fino al raggiungimento del tetto di 1,5 milioni. Inoltre, questi piani devono rispettare precisi vincoli.

Le mosse dei gestori
Nell’ultimo anno, ci sono state diverse iniziative da parte delle società di gestione che operano in Italia, come la nascita di Eurizon capital real asset sgr, Anima Alternative e, più recentemente, di Azimut Direct. Hanno visto la luce anche numerosi nuovi strumenti alternativi, tra cui il programma Big4Real di Banca Generali, la gamma Fideuram investment alternative, l’Eltif Economia Reale Italia di Anthilia capital partners, l’Amundi Eltif AgrItaly Pir e il Leveraged Loans Europe (Amundi ELLE), oltre al Kairos Renaissance Eltif.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Vai alla sezione dedicata alle Settimane Speciali di Morningstar

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy