Falsi miti, la serie

La finanza è piena di luoghi comuni. Morningstar ne ha smontati alcuni in maniera chiara e fruibile a tutti, in sei brevi video.

Valerio Baselli 23/10/2019 | 09:47
Facebook Twitter LinkedIn

Falsi Miti 5 10 19 HD

Le idee preconcette sono spesso sbagliate o, nella migliore delle ipotesi, troppo rigide. Il settore degli investimenti, ahinoi, ne è pieno.

Ecco sei video che cercano di smontare alcuni cliché sulla finanza. Sei falsi miti su cui si dovrebbe ragionare diversamente e con un approccio più flessibile.

Falsi miti: Solo i ricchi possono investire
Non servono grandi capitali per entrare nel mercato. Il tempo e la forza dell’interesse composto sono alla base di un piano finanziario solido, a prescindere dalle somme iniziali.

Falsi miti: Fatti furbo, anticipa il mercato
Uno dei più grandi errori degli investitori è seguire le performance di breve periodo, comprando quello che sale e vendendo quello che scende, quasi sempre in ritardo.  

Falsi miti: Un PAC è sempre una buona idea
Nel caso si abbia un’importante somma a disposizione da investire (liquidazione, bonus o eredità), l’evidenza statistica suggerisce di entrare nel mercato in un’unica soluzione e non in piccoli acquisti periodici.  

Falsi miti: I nomi “caldi” sono sempre “buy”
Amare un marchio e vedere il suo valore in Borsa continuare a crescere non sono buone ragioni per proseguire a comprarlo, anzi. Anche un’ottima azienda può essere un cattivo investimento se troppo cara. Quello che conta sono i fondamentali e le valutazioni.  

Falsi miti: Alto rischio uguale alto rendimento
L’evidenza empirica dimostra che nel lungo periodo i titoli meno volatili sovraperformano quelli rischiosi. Ciò che conta è costruire un portafoglio ben diversificato ed efficiente.

Falsi miti: Il mattone è l’investimento più sicuro
Dati alla mano, il settore immobiliare è piuttosto volatile. E, potenzialmente, il valore di una singola casa lo è ancora di più. Questo, assieme a scarsa liquidità, impossibilità di diversificare e costi di manutenzione lo rendono meno appetibile di altre opzioni.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi tutti gli articoli della Settimana speciale sulla finanza comportamentale.

Clicca qui.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.