Perché l'autocrazia è un cattivo investimento

I rischi legati a regimi dittatoriali non sono una novità. Ma stanno diventando un elemento sempre più importante da considerare.

Tom Lauricella 22/03/2022 | 10:50
Facebook Twitter LinkedIn

Putin

Gli investitori in azioni e obbligazioni russe hanno giocato con il fuoco e si sono bruciati.

Sulla scia dell'orribile invasione russa dell'Ucraina, le azioni e le obbligazioni russe sono sostanzialmente ritenute prive di valore, infliggendo perdite agli investitori.

Ma c'è una lezione più grande da considerare: quando si tratta di investire in paesi autocratici come la Russia, le normali regole di selezione di azioni e obbligazioni, come le valutazioni o le prospettive fondamentali di una società o di un paese, possono essere rese irrilevanti dall'oggi al domani.

Certo, gli investitori possono fare soldi per un po', ma alla fine, tutto ciò che conta sono le regole stabilite dalla persona che gestisce il paese. E spesso questo significa che sta facendo le regole per mantenere il potere, arricchire se stesso e i suoiamici, o entrambi.

La Russia è un paese in cui gli investitori più diversificati hanno solo una piccola percentuale del portafoglio. È diverso per un paese come la Cina. Molti fondi comuni di investimento e aziende quotate hanno una forte esposizione diretta o indiretta al paese asiatico e gli osservatori che avevano messo in guardia sulla Russia stanno incoraggiando gli investitori a farsi domande simili sulla Cina.

"La Cina è stato un mercato emergente incredibilmente redditizio in cui investire, ma si è sempre parlato poco del regime che la guida", dice Jon Hale, direttore della ricerca sulla sostenibilità in nord America di Morningstar.

La questione con cui si confrontano direttamente gli investitori è se "è davvero sostenibile a lungo termine investire in questo tipo di paesi", dice Hale. “È un rischio sistemico a cui tutti stiamo contribuendo e a cui dovremmo prestare maggiore attenzione".

La verità è che nell’ultimo decennio e oltre, gli investitori avrebbero fatto meglio a tenere i loro soldi negli Stati Uniti piuttosto che investirli in Russia o in Cina.

Andamento azionario Russia nel 2022
azioni-russia

I rischi
Un modo di confrontarsi con queste questioni è considerare i due rischi dell'investimento nelle autocrazie: i rischi geopolitici e il ruolo delle leggi.

L'attacco della Russia all'Ucraina è un esempio estremo dei rischi geopolitici che derivano dall'investimento in paesi autocratici. Il rischio che gli investitori hanno maggiori probabilità di incontrare è quello relativo alla legislazione.

Questa dovrebbe essere una considerazione primaria per gli investitori, secondo il famoso gestore di hedge fund, Bill Browder, che ha fatto fortuna in Russia, per poi essere espulso dopo gli scontri con gli oligarchi (il suo avvocato russo è stato arrestato a Mosca, torturato ed è morto in prigione).

"Puoi fare tutte le analisi che vuoi su un settore, sull'economia, sul management e poi, all'improvviso, arriva qualcuno e ti frega. E non hai possibilità di ricorso in tribunale, o di accedere ai media. In generale se sono paesi in cui non vige lo stato di diritto, non puoi fare ricorso alle autorità di regolamentazione", spiega. “Si naviga a vista sperando di essere nelle grazie di chiunque sia al comando".

Browder dice di aver sentito varie ragioni e strategie per investire in paesi come la Russia. Ad esempio, gli investitori dovrebbero evitare settori strategici come petrolio e gas che potrebbero essere strettamente allineati con la struttura del potere e i funzionari corrotti.

"Sì, puoi investire in settori non strategici, ma di solito questi asset ti fanno perdere denaro", dice ancora.

Nei regimi autocratici e autoritari c’è anche da considerare la mancanza di trasparenza.

Molte società di fondi comuni di investimento e investitori professionali amano parlare delle loro ricerche sul campo quando si tratta di studi su azioni o obbligazioni. Ma prendiamo l'esempio del team dei mercati emergenti di BlackRock.

Come ha osservato l'analista di Morningstar Samuel Lo: "Il team che gestisce i BlackRock Emerging Markets (in Usa) con Morningstar Analyst rating pari a Silver ha pensato che le probabilità di una guerra fossero basse dopo che alcuni membri del team hanno visitato la Russia alla fine di gennaio, nonostante Mosca avesse radunato più di 150.000 soldati al confine con l’Ucraina. Il fatto che la popolazione non sembrasse pronta per un'invasione su vasta scala e altri fattori, comprese le valutazioni economiche, li ha spinti a esprimersi a favore del mantenimento delle posizioni a lungo termine della strategia in Russia il 16 febbraio".

Naturalmente, c'erano molti osservatori che non credevano che la Russia avrebbe invaso l'Ucraina. E non è che un gestore di fondi possa chiedere a qualcuno al potere se la Russia ha intenzione di invadere l'Ucraina e ottenere una risposta. Ma Browder dice che questo riflette una questione più ampia.

"In Russia e in luoghi come la Russia, direttori aziendali e funzionari mentono e non c'è vergogna a mentire. Diranno: 'Non abbiamo intenzione di essere inadempienti e poi andranno in default la mattina dopo".

Secondo Browder gli investitori pensano erroneamente di poter trattare questi mercati nello stesso modo in cui si approcciano a paesi che operano seguendo principi favorevoli agli investitori.

Si possono fare dei parallelismi tra i progetti di Vladimir Putin sull'Ucraina e le affermazioni della Cina su Taiwan. Pechino ha anche represso le libertà a Hong Kong e ha perseguitato la popolazione uigura. Ma la Cina non deve arrivare a invadere Taiwan per mostrare agli investitori i rischi che derivano dall'investire nel paese.

La scorsa estate il governo cinese ha imposto una repressione normativa sulle società Internet che toccava alcuni dei più grandi nomi del mercato, quelli di proprietà della maggior parte degli strumenti specializzati nei mercati emergenti e nei fondi azionari cinesi, come Alibaba e Tencent.

Nell'ultimo anno, Alibaba ha perso quasi il 60% del suo valore e Tencent oltre il 40%. Le autorità di regolamentazione cinesi hanno preso di mira anche le società di istruzione private. TAL Education è stato uno dei nomi penalizzati dal governo cinese e le sue azioni hanno perso circa il 97% del loro valore nell'ultimo anno. Queste mosse, insieme alle accresciute tensioni tra Stati Uniti e Cina su questioni come le politiche di trasparenza per le azioni quotate in borsa, hanno penalizzato gli investitori statunitensi in azioni cinesi.

Come ha dichiarato di recente Perth Tolle, manager di Freedom 100 Emerging Markets ETF, in un'intervista a Leslie Norton di Morningstar: "Dal punto di vista degli investimenti, la preoccupazione maggiore non è la Russia, che rappresenta il 3% della maggior parte dei benchmark, ma la Cina, che pesa per oltre il 30% nella maggior parte degli indici dei mercati emergenti. Questo è un enorme rischio di concentrazione".

Dice Browder: "Solo perché è una grande economia che è cresciuta non significa che tratteranno gli investitori stranieri in modo equo".

Rischi nascosti
Anche se gli investitori non hanno un'esposizione diretta a paesi autocratici, possono avere rischi nascosti da società con sede in altre parti del mondo che operano in nazioni prive di stato di diritto. Un esempio frequente, afferma Shin Furuya, Impact Investment strategist di Domini Impact Investments, sono le aziende energetiche e di altre risorse naturali. "Un'azienda energetica europea o asiatica potrebbe essere presente in Sudan o in Myanmar", dice Browder.

Le società energetiche e di risorse naturali spesso devono collaborare con imprese statali, il che rende molto difficile districarsi fra i rischi posti da un governo che potrebbe essere coinvolto in guerre, violazioni dei diritti umani o avere un notevole grado di corruzione.

Rischio e rendimento
Nonostante tutti questi rischi, nell'ultimo decennio non è arrivato molto, in termini di rendimenti, da Russia e Cina. Prima della chiusura dei mercati finanziari russi, l'indice RTS ha avuto un guadagno medio del 4,2% annuo negli ultimi 10 anni, l'indice S&P/BNY Mellon China Select dell'1,9% annuo e l'indice Hang Seng è stato negativo per lo 0,24% annuo. Nel frattempo, il Morningstar US Market Index ha registrato rendimenti medi del 14,9% nell'ultimo decennio.

Browder osserva che mercati come la Cina, sebbene abbiano periodi di sovra-performance, sono afflitti da grandi ribassi causati da decisioni politiche. “Se sei un trader, puoi trovare momenti in cui i mercati sono davvero in difficoltà. Nel lungo termine ci sono tante possibilità di perdere soldi quante di guadagnarne".

Hale di Morningstar pensa che, con gli investitori scottati da Russia e Cina, forse la consapevolezza dei rischi legati a regimi autocratici aumenterà. Ciò può accadere quando si ha a che fare con paesi come la Turchia e l'Ungheria. "Penso che saranno considerati in modo diverso rispetto agli ultimi due decenni", dice.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Tom Lauricella  è editor di Morningstar Direct