Quei fondi che si sentono un po’ più grandi

Diversi portafogli dedicati alle small cap hanno in pancia anche azioni medium. Ecco alcuni casi.

Marco Caprotti 19/07/2019 | 09:55

Quanto è small cap il vostro fondo che investe nelle azioni delle piccole imprese? La domanda, guardando i dati di portafoglio di alcune categoria dedicate ai fondi specializzati negli strumenti che investono nei titoli delle società a più bassa capitalizzazione, è meno strana di quello che può sembrare.

Secondo la definizione generale di Morningstar un fondo è small cap quando investe almeno il 75% degli asset in società che fanno parte del 10% più piccolo in termini di capitalizzazione di un mercato. Ma quello che può essere considerato piccolo in una piazza, può essere medio su un’altra. Come spiega la metodologia sulle categorie di Morningstar, con l’eccezione di un chiaro cambiamento di strategia (che viene affrontata quando il cambio è evidente) la categorizzazione di un fondo è basata sul suo posizionamento nel tempo (normalmente viene considerato un periodo di tre anni). “Questo permette di avere classificazioni stabili ed è un sistema allineato con gli interessi degli investitori in fondi che, generalmente, usano questi strumenti come come investimenti di lungo periodo”, dice il documento.

Bisogna poi intendersi sui termini large, medium e small cap. La definizione generale in Europa dice che le aziende mid cap, sono società con una capitalizzazione di Borsa compresa tra 2 miliardi di euro e 10 miliardi, dove small cap è tra 300 milioni e 2 miliardi e large cap è oltre 10 miliardi. Più o meno gli stessi ordini di grandezza, in dollari, valgono per gli Usa. Tuttavia sono definizioni che possono subire variazioni nel tempo, ad esempio a seconda degli andamenti di mercato o dei rapporti fra le diverse valute. A questo vanno aggiunti i mandati dati agli asset manager dalle diverse case di gestione che gli possono permettere di muoversi su aziende con una capitalizzazione diversa rispetto a quella indicata nel nome del fondo. 

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar