La Settimana degli investimenti obbligazionari

Nel 2018, è aumentata la quota allocata in fondi monetari a discapito del reddito fisso. E’ tempo di ripensare le strategie su questa asset class? Come muoversi in un contesto di politiche monetarie meno accomodanti?

Sara Silano 18/02/2019 | 09:20
Facebook Twitter LinkedIn

Negli anni successivi alla crisi finanziaria, gli investitori si sono spostati verso i segmenti a più alto rendimento (e quindi rischio) del mercato obbligazionario, ossia il debito societario, emergente e high yield, perché i bassi tassi di interesse dei titoli governativi non remuneravano più adeguatamente il capitale. Nel 2018, il reddito fisso è stato l’asset class più impopolare a livello globale. Morningstar stima flussi netti per 153 miliardi di dollari, il peggior risultato dal 2013.

Le turbolenze dei mercati hanno creato qualche ansia agli investitori, i quali si sono domandati se non fosse il caso di rivedere la composizione del portafoglio. “Lo spostamento verso fondi a più alto yield ha beneficiato alcuni nel breve termine, ma quando lo scenario macroeconomico evolve e le politiche monetarie accomodanti si avviano alla conclusione, è necessario chiedersi se questo approccio sia adatto al lungo termine”, spiega Kunal Mehta, Senior Investment Product Specialist, di Vanguard Europe. “Una questione chiave nel considerare la propria esposizione al reddito fisso è se essa fornisce un’adeguata protezione dalla volatilità delle Borse”.

Il fiume di liquidità immesso sul mercato dalle banche centrali ha favorito la compressione degli spread, ossia dei differenziali tra obbligazioni più pericolose e governativi considerati risk-free (ad esempio il Bund tedesco). Probabilmente, ha fatto anche perdere di vista le caratteristiche di rischiosità di questi strumenti, che ora potrebbero riemergere in seguito alle politiche di normalizzazione monetaria.

Il fatto che gli investitori a livello globale abbiano aumentato la quota in fondi monetari che, con una crescita organica del 7,8%, hanno archiviato il 2018 come migliore anno dell’ultimo decennio, fa pensare alla volontà di rivedere l’asset allocation, soprattutto nella componente di reddito fisso, che è stata la più penalizzata l’anno scorso. Come ricorda Metha, in un portafoglio diversificato, le obbligazioni servono per “diversificare e assorbire gli shock, fornire liquidità, dare un reddito stabile e, se si scelgono quelle a più alto rischio, un rendimento superiore ai più sicuri titoli governativi”.

Morningstar dedica l’intera settimana ad analizzare i trend sul mercato obbligazionario, le prospettive congiunturali e finanziarie, i rischi e gli strumenti a disposizione degli investitori.

Lunedì 18 febbraio
I rialzi dei tassi non sono più una priorità
Etf global bond, trova le differenze
VIDEO: Etf obbligazionari, il futuro è smart

Martedì 19 febbraio
L’eredità di Bill Gross
Gli strumenti obbligazionari nel 2019
Il 2018 del reddito fisso in 5 grafici

Mercoledì 20 febbraio
Le tre P per guardare oltre la recessione tecnica in Italia
VIDEO: Btp, volatilità in vista
Chi investe nel debito italiano

Giovedì 21 febbraio
I migliori fondi corporate e global
Qualcosa è cambiato per i bond emergenti
VIDEO ANALISI: Legg Mason BW Global Opportunistic Fixed Income

Venerdì 22 febbraio
VIDEO: Cosa sono i CLO
3 strategie "non convenzionali" per investire nel reddito fisso

Leggi gli articoli della precedente Settimana Speciale dedicata agli investimenti sostenibili.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia