Guida agli investimenti low cost

I rendiconti sui costi previsti da Mifid 2 sono finiti nelle buche di molti risparmiatori in estate. E’ tempo di guardarli e dare la giusta rilevanza agli oneri che pesano, spesso come un macigno, sui rendimenti.

Sara Silano 16/09/2019 | 08:35

In estate dovrebbero essere arrivati a molti risparmiatori i rendiconti dei costi sostenuti nel 2018, come previsto dalla direttiva Mifid 2. Il clima vacanziero potrebbe aver indotto molti ad ignorarli. Ma il ritorno alla vita quotidiana è un buon momento per riprendere in mano quella comunicazione, nella quale le banche e gli altri intermediari devono illustrare le spese sostenute realmente, non solo in percentuale, ma in valore assoluto, suddivise per prodotti e servizi.

Non essendoci standard condivisi per la rappresentazione dei costi, gli operatori si sono mossi in ordine sparso, come già era avvenuto per l’informativa ex-ante, che, in base alla direttiva comunitaria, deve essere consegnata prima della stipula del contratto di intermediazione. Lo scorso 28 febbraio, la Consob era intervenuta sul tema con un “Richiamo di attenzione”, nel quale ricordava che “le informazioni devono essere corrette, chiare e non fuorvianti e vanno rese in una forma comprensibile”.

Uno studio condotto da Moneyfarm e la School of management del Politecnico di Milano sull’informativa ex-ante di venti principali intermediari italiani, nel periodo febbraio-luglio 2019, mostra come il “richiamo” dell’autorità di vigilanza fosse più che mai motivato. Nel 75% dei casi, infatti, la documentazione relativa alla consulenza in materia di investimenti e alla gestione di portafogli non riportava la totalità delle informazioni raccomandate da Mifid 2. In circa l’80% della reportistica esaminata, inoltre, non è stata riscontrata trasparenza sull’effetto cumulativo dei costi sulla redditività dell’investimento.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar