Gestori di eccellenza

Competenze, esperienza, stabilità del team e all’allineamento dei propri interessi con quelli dei sottoscrittori sono tra le caratteristiche fondamentali di un buon manager. Morningstar ha investigato su alcuni casi di successo.

Sara Silano 24/04/2017 | 09:13
Facebook Twitter LinkedIn

Cosa fa di un gestore un top manager? Secondo gli analisti di Morningstar, sono una serie di fattori, quali le competenze, l’esperienza, la stabilità e la struttura del team, il carico di lavoro adeguato, il processo decisionale e, non ultimo, l’allineamento dei suoi interessi con quelli degli investitori.

Alcuni studi realizzati da Morningstar negli anni scorsi mostrano che la manager tenure, misura di quanto a lungo un gestore è stato responsabile di una data strategia, rappresenta un segnale del “successo” di un’azienda nel fornire ai clienti risultati migliori. E’ importante anche perché l’uscita di un professionista può portare a un cambiamento nel processo di investimento, soprattutto nei casi in cui quest’ultimo fosse tipico di quel particolare manager. Un altro indicatore, da considerare congiuntamente, è la manager retention, ossia la capacità di una società di trattenere i talenti. Un elevato turnover può significare che la casa di investimento ha difficoltà nel trovare le persone adatte a coprire determinate strategie. Ci sono situazioni in cui la possibilità di tenere i migliori professionisti è compromessa, come ad esempio le fusioni tra imprese o tra fondi.

Morningstar dedica l’intera settimana ai top manager, partendo da coloro che hanno vinto i Morningstar Awards Italy 2017 in Italia e analizzando le principali strategie dei gestori, le loro visioni sui mercati e i processi operativi.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies