Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Raccolta, il reddito fisso guida la riscossa

Per i fondi obbligazionari europei, luglio è stato il secondo miglior mese dell’anno. Ancora in rosso gli azionari. Gli investitori inglesi cercano rifugio nei monetari.

Sara Silano e Ali Masarwah 24/08/2016 | 09:19
Facebook Twitter LinkedIn

L’industria europea dei fondi si riprende dalla batosta di giugno. Secondo l’ultimo Morningstar asset flow report, a luglio i flussi netti sono stati di 15,82 miliardi nei prodotti a lungo termine e di quasi 33 miliardi nei monetari. A guidare l’inversione di rotta sono gli obbligazionari (+21,99 miliardi), seguiti dai bilanciati e dagli alternativi. Non riescono a prendere quota gli azionari, che subiscono riscatti netti per 13,18 miliardi, portando il saldo da inizio anno a -68,7 miliardi.

Flussi netti per macro categoria di fondi - agosto 2016

Per il reddito fisso, luglio è stato il miglior mese del 2016 dopo aprile; per i bilanciati è stato il più roseo da gennaio, mentre sembra affievolirsi l’interesse per le strategie simili a quelle degli hedge fund. I 3,2 miliardi di flussi netti nel mese scorso sono, infatti, inferiori alla media degli ultimi 36 mesi.

Ancora Brexit
L’eco di Brexit si è ancora fatto sentire. I flussi nei fondi monetari indicano la ricerca di porti sicuri in un quadro macro e politico incerto, soprattutto da parte degli investitori inglesi. Dei 33 miliardi affluiti in questi veicoli, 21,3 sono andati nei prodotti in sterline. Ad accusare di più il colpo del voto nel Regno Unito, sono stati i comparti azionari specializzati sulle Borse europee, compresa Londra. La categoria Europa large cap blend è stata la peggiore (-3,4 miliardi) a luglio, proseguendo il trend negativo cominciato a gennaio. E’ stato pesante anche il bilancio per i fondi Europa large cap che escludono la Gran Bretagna e per quelli specializzati sulla City. In entrambi i casi, a riscattare sono stati soprattutto gli investitori oltre la Manica, i quali sono usciti anche dai fondi immobiliari, protagonisti di un vero e proprio sell-off, che le società di gestione hanno cercato di contenere sospendendo i riscatti da alcuni fondi.

Categorie Morningstar: maggiori deflussi - agosto 2016

Verso gli emergenti
In generale, gli investitori hanno venduto i fondi azionari specializzati sui mercati sviluppati, inclusi gli Stati Uniti e il Giappone, mentre hanno continuato ad acquistare i comparti con focus sugli emergenti, sia equity che obbligazionari. In particolare, il debito emerging è stata la migliore categoria con quasi 4 miliardi netti di raccolta. I comparti più popolari sono stati Pictet Global emerging debt, Goldman Sachs emerging markets debt portfolio e Pioneer emerging markets bond.

Categorie Morningstar: Maggiori flussi - agosto 2016

Chi sale e chi scende
Tra le società di gestione, la migliore per raccolta a luglio è stata Nordea (+3 miliardi), grazie soprattutto al Nordea-1 Stable Return fund che ha ricevuto sottoscrizioni nette per 2,2 miliardi. Al secondo posto si è posizionato Pictet, che ha beneficiato dei flussi nel reddito fisso, e al terzo Pimco, che deve il risultato in particolare alla gamma income.

SGR con i maggiori flussi - agosto 2016

I deflussi hanno invece continuato a colpire Franklin Templeton: i -1,8 miliardi di luglio portano il saldo da inizio anno a -15,4 miliardi. Non sono stati solo i suoi fondi obbligazionari più famosi a soffrire (il Global bond e Global total return), ma anche gli azionari e i bilanciati. Tra gli altri asset manager con il segno meno a luglio segnaliamo BlackRock (-1,72 miliardi), che è stato penalizzato soprattutto dai riscatti sull’equity europeo, e Ubs (-1,46 miliardi) a causa delle uscite dall’obbligazionario (in particolare high yield).

SGR con i maggiori deflussi - agosto 2016

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano e Ali Masarwah  Sono responsabili editoriali di Morningstar rispettivamente in Italia e Germania.