Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Fuori dagli azionari, senza una chiara destinazione

MORNINGSTAR ASSET FLOW REPORT. A giugno, i fondi equity hanno subito riscatti netti per oltre 21 miliardi. Monetari e alternativi non sono un rifugio per tutti. In Italia, gli investitori vanno ancora sui prodotti a scadenza.

Sara Silano e Ali Masarwah 27/07/2016 | 11:59
Facebook Twitter LinkedIn

Gli investitori europei che a giugno sono usciti dai fondi azionari hanno scelto solo in parte di rifugiarsi nei più tranquilli monetari. Secondo il Morningstar asset flow report di luglio, i comparti equity hanno avuto riscatti netti per 21,3 miliardi di euro, quelli di liquidità sottoscrizioni nette per “appena” 7,1 miliardi.

Il dopo-Brexit
Il voto inglese favorevole all’uscita dall’Unione europea (Brexit) ha allontanato gli investitori dalle attività finanziarie più volatili. Ne hanno fatto le spese soprattutto i fondi specializzati sulle Borse europee, per i timori di instabilità politica e di indebolimento del quadro economico e finanziario. Hanno sofferto deflussi anche i comparti azionari specializzati sul Regno Unito, ma non ci sono state fughe di massa: solo quattro categorie su sette hanno registrato riscatti superiori alle sottoscrizioni. In termini assoluti, il segmento più penalizzato è stato quello dell’UK Equity income.

Flussi netti categorie Morningstar - luglio 2016

Oltre ai monetari, hanno beneficiato dell’aumento dell’avversione al rischio i fondi obbligazionari a breve termine, che hanno contribuito in modo significativo al risultato positivo del reddito fisso a giugno (+4 miliardi di raccolta netta).

Flussi netti macro-categorie

Bene i multistrategy
Le strategie alternative hanno risposto solo in parte alla ricerca di soluzioni svincolate dall’andamento dei mercati. I flussi netti, pari a 1,6 miliardi, sono modesti se comparati ai risultati dei mesi scorsi. La categoria più popolare è stata quella dei multistrategy, che combinano diverse strategie alternative (+2,6 miliardi).

Sono stati molto contenuti anche i flussi nei bilanciati (+658 milioni). La categoria che più ha contribuito al saldo positivo è quella dei bilanciati-altro, nella quale sono compresi molti fondi a scadenza italiani. Non è un caso che la migliore società di gestione in Europa, per raccolta netta a giugno, è Eurizon Capital (gruppo Intesa Sanpaolo), che è molto attiva in questo segmento. Hanno avuto un andamento positivo anche i comparti di allocation flessibili e moderati in euro.

Flussi netti powitivi nelle categorie Morningstar  luglio 2016

Chi sale e chi scende
Oltre ad Eurizon Capital, hanno avuto flussi netti positivi Union Investment (società di gestione delle banche cooperative tedesche) e Aviva Investors. Sono tutti con il segno meno i big del risparmio internazionale, primi fra tutti Franklin Templeton, BlackRock e Fidelity.

Flussi netti per SGR luglio 2016

Deflussi netti SGR luglio 2016

I deflussi hanno continuato a colpire i più grandi fondi europei, tra cui Carmignac Patrimoine, Templeton global bond e global total return, BlackRock GF global allocation fund e M&G Optimal income. Quest’ultimo (in particolare la classe coperta in euro) ha perso in dodici mesi circa il 37% di asset a causa dei deflussi, nonostante i rendimenti superiori alla categoria dei bilanciati prudenti globali.

Flussi netti fondi più grandi in Europa luglio 2016

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano e Ali Masarwah  Sono responsabili editoriali di Morningstar rispettivamente in Italia e Germania.