Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Le banche europee più sottovalutate

Nel complesso, le ultime trimestrali hanno battuto le aspettative e, con la fine dell'era dei tassi negativi, l'attività principale delle banche è diventata più redditizia. Ecco le migliori idee d’investimento dalla nostra copertura del settore finanziario europeo.

Valerio Baselli 03/08/2022 | 10:46
Facebook Twitter LinkedIn

Banche

Le banche europee stanno rialzando la testa? Dopo un contesto di mercato sfavorevole per gran parte dell'anno, la volatilità e gli spread sono migliorati a luglio. L'indice Morningstar Developed Markets Europe Financial Services ha vissuto un periodo difficile nel 2022, perdendo il 9,3% dall’inizio dell’anno. Nell'ultimo mese il vento sembra essere cambiato e il benchmark ha registrato un rimbalzo del 3,6%. Questo dato, tuttavia, si confronta con il rendimento positivo del 7,3% dell'indice madre Morningstar Developed Markets Europe nello stesso periodo (dati in euro, al 2 agosto).

Lo scoppio della crisi sanitaria Covid ha evidenziato due questioni fondamentali per le banche: l'importanza di un'adeguata gestione del rischio di credito e, per alcune di esse, la necessità di un'ulteriore digitalizzazione. Nel complesso, le banche hanno comunque mostrato resilienza e hanno mantenuto forti posizioni di capitale e liquidità. "La pandemia ha avuto un effetto minimo sulla salute delle banche. Anzi, gli istituti di credito europei l’hanno superata senza problemi, consentendo ora distribuzioni di capitale significative agli azionisti", afferma Niklas Kammer, analista azionario di Morningstar.

La situazione è cambiata dopo l'aggressione della Russia all'Ucraina, con uno spostamento dei driver del rischio di credito dai settori legati ai servizi a quelli ad alta intensità di commodity trading, in particolare energia e materie prime. Per aggiungere benzina al fuoco, la guerra ha aumentato la minaccia di attacchi informatici alle infrastrutture critiche, anche nel settore finanziario. 

Tuttavia, da quello che abbiamo visto finora durante la stagione degli utili del secondo trimestre, le banche europee continuano a registrare bilanci molto solidi. “Non abbiamo ancora visto alcun segno di deterioramento del portafoglio prestiti”, spiega Kammer. “Riteniamo probabile che le insolvenze delle imprese inizino ad accumularsi nei prossimi trimestri, poiché le aziende devono iniziare a trasferire il loro debito su tassi di interesse più elevati. Durante queste trimestrali abbiamo assistito a una forte ripresa dei volumi dei prestiti, dovuta all'anticipazione dell'aumento dei tassi. Quando queste opportunità si esauriranno, crediamo che il contesto creditizio potrebbe iniziare a cambiare”.

Nel complesso, il settore bancario europeo è in buona salute. L'inasprimento delle normative sui requisiti patrimoniali e di leva finanziaria ha posto il settore bancario europeo su una base molto più solida rispetto a un decennio fa. “Le banche che copriamo hanno anche migliorato le loro fonti di finanziamento e ora dipendono meno dal finanziamento basato sul mercato, che può causare problemi in periodi di stress”, afferma l'analista di Morningstar. “È importante sottolineare che riteniamo più probabile che i tassi di interesse rimangano in territorio positivo anche dopo che l'inflazione sarà tornata a livelli accettabili. Ciò significa che ci aspettiamo un aumento dei tassi di interesse in un ambiente normalizzato, il che è positivo per la media delle banche europee”.

“Infine, per quanto riguarda la salute del settore bancario europeo, dobbiamo aggiungere che i banchieri centrali e i politici sembrano aver imparato la lezione dalla crisi finanziaria globale e dalla crisi del debito sovrano”, continua Kammer. “La pandemia ha dimostrato che fornire liquidità al sistema e garantire i livelli di capitale degli intermediari finanziari è una priorità per i responsabili politici. In sintesi, riteniamo che il settore bancario europeo sia in buona forma e che sarà in grado di resistere a scenari più severi di quelli che molti temono possano colpire l'Europa nei prossimi trimestri e anni”.

Nella tabella che segue, elenchiamo le banche europee più sottovalutate, tra quelle coperte dalla ricerca azionaria di Morningstar. Clicca qui per scoprire come funziona il Morningstar Stock Rating

In particolare, agli analisti di Morningstar piacciono le banche che si concentrano maggiormente sulla vendita al dettaglio e che contribuiscono maggiormente ai mutui, come ABN Amro (ABN) e Lloyds (LLOY). Gli analisti si aspettano una maggiore visibilità degli utili da questi nomi e prevediamo che saranno i maggiori beneficiari dell'attuale ciclo dei tassi d'interesse.

Di seguito, un focus proprio su questi due istituti di credito.

ABN AMRO Bank NV
Stock rating: ★★★★
Economic moat: Medio
Fair value: 15,50 EUR
Uncertainty rating: Alto

ABN Amro ha una solida posizione competitiva nel retail banking olandese, con una quota di mercato del 20% nei conti correnti personali olandesi e una quota del 25% nei conti correnti aziendali. Ciò consente ad ABN Amro di ottenere finanziamenti a basso costo e costituisce la base da cui la banca può fare cross-selling di altri prodotti.

“Riteniamo che ABN Amro abbia un Economic Moat medio grazie al vantaggio di costo di cui gode e dei costi di switch (quelli sostenuti per passare a un diverso fornitore di servizi finanziari)  che i suoi clienti devono affrontare. L'elevata concentrazione del sistema bancario olandese fornisce un ulteriore supporto al nostro giudizio, guidato dalle operazioni bancarie retail e commerciali olandesi di ABN Amro”, si legge nell'analisi azionaria di Morningstar. “Il vantaggio di costo come fonte di Moat è presente quando un’azienda può produrre un bene o un servizio a un costo inferiore rispetto ai concorrenti. Le banche hanno tre componenti principali di costo in cui possono ottenere un vantaggio competitivo gestendo i costi meglio dei loro colleghi: il costo di finanziamento, il costo del credito e i costi operativi. Riteniamo che ABN Amro abbia un vantaggio di finanziamento grazie alla sua forte posizione competitiva nel settore bancario retail olandese”.

Lloyds Banking Group PLC
Stock rating: ★★★★
Economic moat: Medio
Fair value: 77 GBX
Uncertainty rating: Molto Alto

Nel primo semestre Lloyds ha riportato un utile di 3.746 milioni di sterline, a fronte di una stima di consenso di 3.401 milioni di sterline raccolta dalla banca prima della pubblicazione. La generazione di reddito è stata forte, con un aumento del 12% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. L'aumento dei tassi di base fissati dalla Banca d'Inghilterra e il rialzo della parte lunga della curva dei rendimenti hanno ampliato in modo significativo i margini di interesse netti dell’istituto britannico.

Confidando in questi risultati e nella prospettiva di ulteriori aumenti dei tassi nei prossimi trimestri, Lloyds ha nuovamente alzato la propria guidance sul NIM (Net Interest Margin) a oltre 280 punti base, rispetto ai 270 punti base del primo trimestre. “Avevamo previsto un beneficio più graduale all'inizio del ciclo di rialzo dei tassi, ma ora abbiamo corretto al rialzo le nostre ipotesi di NIM. A seguito di queste modifiche e del valore temporale del denaro rispetto all'ultimo aggiornamento del nostro modello, abbiamo alzato la nostra stima del fair value a 77 GBX per azione rispetto ai 68 GBX precedenti. Riteniamo che le azioni Lloyds siano interessanti ai livelli attuali”, spiega Niklas Kammer, analista azionario di Morningstar.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
ABN AMRO Bank NV12,11 EUR-0,25Rating
Lloyds Banking Group PLC46,38 GBX-0,59Rating

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.