Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

3 temi per i mercati azionari europei nel terzo trimestre

Ritorno dei titoli value, caccia ai dividendi e momento negativo delle small cap sono le tendenze principali sulle Borse europee nell’ultimo anno. Ecco alcune strategie di qualità.

Sara Silano 13/07/2022 | 10:11
Facebook Twitter LinkedIn

Europa

I mercati azionari europei sono a sconto, ma gli investitori non lo considerano un segnale di acquisto.

L’indice Morningstar Europe perde oltre il 15% dall’inizio dell’anno e alcuni listini, come quello italiano e tedesco, segnano ribassi superiori.

“Le valutazioni sono sotto la media degli ultimi cinque anni”, dice Teodor Dilov, ricercatore di Morningstar specializzato sulle strategie azionarie. “Se prendiamo l’ETF iShares MSCI Europe ex-UK come proxy del mercato, vediamo che a fine maggio era negoziato a circa 14 volte gli utili a confronto con le 19 di giugno 2017”.

Cosa preoccupa gli investitori
Gli investitori, tuttavia, si tengono alla larga dai mercati azionari. “Le ragioni possono essere diverse”, continua Dilov. “Le previsioni di crescita della regione sono state riviste al ribasso, ci sono timori per la stabilità dei profitti futuri, l’inflazione è ai massimi e la Banca centrale europea sta reagendo con lentezza. Tutti questi fattori sono una combinazione davvero sgradevole. E poi bisogna considerare l’aumento dei rischi geopolitici”.

“Le tensioni derivanti dall’invasione russa in Ucraina non scompariranno molto presto”, fa notare Thomas Torgerson, Co-Head of Sovereign Ratings for DBRS Morningstar. “Con la prospettiva di un conflitto prolungato, le forniture di energia e cibo sono a rischio e i prezzi è probabile che rimangano elevati”.

In questo contesto, si delineano tre tendenze principali sui mercati azionari europei.

1) Il ritorno del value

2) La caccia ai dividendi

3) Il momento negativo delle small cap

Il ritorno del value
Le strategie orientate al valore hanno mediamente reso di più di quelle con uno stile growth nell’ultimo anno, dopo un decennio di dominio di queste ultime. A giugno, c’è stata una battuta d’arresto, ma è presto per parlare di inversione di tendenza.

L’indice MSCI Europe ex UK Value ha guadagnato il 3,7% in termini assoluti negli ultimi dodici mesi (al 31 maggio 2022), mentre il corrispondente paniere growth ha perso il 5,3%.

“Il crescente appetito per i titoli sottovalutati può essere spiegato dalle loro caratteristiche di protezione dall’inflazione”, spiega Dilov. “Storicamente, sono state in grado di preservare il valore del denaro in periodi come questo, trasferendo i costi elevati ai consumatori finali, il che li ha aiutati a mantenere buoni margini di profitto”.

Alcune strategie azionarie Europa large-cap value hanno rendimenti positivi negli ultimi dodici mesi. Tra queste, M&G (Lux) European Strategic Value è coperto dalla ricerca Morningstar e ha un Analyst rating Silver nelle classi meno costose e da Bronze a Neutral per quelle destinate agli investitori privati (report di Mathieu Caquineau del 3 febbraio 2022).

Il team di gestione, guidato da Richard Halle dal 2008, cerca azioni con un basso rapporto prezzi/valore di bilancio (price/book) all’interno del settore di appartenenza. L’analisi fondamentali permette di individuare le società che sono sottovalutate per buone ragioni e quindi mostrano forza finanziaria, un business model duraturo e un management di qualità.

La caccia ai dividendi
In un contesto di volatilità dei mercati, elevata inflazione e cambiamenti di politica monetaria, le strategie azionarie ad alto dividendo (income) diventano attraenti per gli investitori perché rappresentano un’alternativa alle obbligazioni e forniscono qualche forma di protezione dal rialzo dei tassi di interesse.

“In Europa (escluso il Regno Unito), i rendimenti delle cedole (yield) sono saliti e ora sono vicini al 2%, contro circa l’1,3% di un anno fa”, afferma Dilov. “Gran parte del merito va alla solida performance del settore energetico (dati al 31 maggio 2022)”.

Tra i fondi income azionari Europa, disponibili agli investitori italiani e coperti dalla ricerca Morningstar, gli analisti segnalano BlackRock Global Funds – European Equity Income, che ha un rating Bronze nelle classi più economiche e Neutrale nelle altre (report di Jeffrey Schumacher del 6 luglio 2021). La strategia offre un dividend yield superiore al 3% ottenuto con un approccio che bilancia le società ad alto dividendo e di qualità che possono accrescere la cedola nel tempo, con le opportunità tra i titoli high-dividend sottovalutati.

La strategia si differenzia dalla maggior parte dei competitor perché è agnostica agli stili di investimento e questo approccio è stato eseguito in modo coerente dal team guidato da Andreas Zoellinger dal lancio nel dicembre 2010.

Il momento negativo delle small cap
Nonostante nel 2021 le small cap europee abbiano riportato buoni risultati, il nuovo anno era cominciato all’insegna della cautela da parte degli investitori. L’invasione russa in Ucraina ha peggiorato la situazione innescando vendite dettate dall’incertezza sulla domanda di beni e l’aumento dell’inflazione.

L’indice Morningstar Developed Markets Europe small cap ha perso oltre il 20% nel primo semestre 2022, contro il -13,6% del benchmark delle società a larga capitalizzazione. “Le aziende di minor qualità hanno sovra-performato”, dice Dilov. “Per contro, le revisioni in positivo degli utili non si sono riflesse completamente nei prezzi di Borsa”.

Tra i fondi azionari Europa small cap disponibili in Italia e coperti dalla ricerca Morningstar, Aberdeen Standard SICAV II-European Smaller Companies Fund ha un Analyst rating Silver nelle classi più economiche e Bronze nelle altre (report di Bhavik Parekh del 24 giugno 2021).

Il portafoglio è costituito da 40-50 titoli selezionati utilizzando un modello quantitativo che prende in considerazione 13 fattori per individuare miglioramenti e peggioramenti della situazione aziendale ed aiutare il team guidato da Andrew Paisley nell’analisi fondamentale. Lo stile del fondo riflette l’importanza che viene data a fattori come il momentum, la crescita e la qualità. “Il processo non ha subito grandi cambiamenti nel tempo, con l’eccezione dell’inserimento dei criteri ESG, ed è stato eseguito in modo coerente dal gestore”, dice Parekh.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
abrdn Eu Sml Comp A Acc EUR28,47 EUR0,76Rating
BGF European Equity Income D222,92 EUR0,53Rating
iShares MSCI Europe ex-UK ETF EUR Dist EUR33,18 EUR0,46Rating
M&G (Lux) Eurp Strat Val A EUR Acc10,84 EUR0,52Rating

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia