Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Il Nobel Thaler: Buy the Dip? Nessuno sa quando. Il trading è un gioco da giovani maschi

L’economista statunitense, padre della teoria dei Nudge, ha partecipato alla cerimonia che ha visto Morningstar premiare i migliori fondi e le migliori Sgr del 2022. Gli abbiamo chiesto la sua opinione sullo sviluppo dell’economia comportamentale, sulla capacità degli investitori di imparare dal passato e sul momento attuale dei mercati.

Valerio Baselli 20/05/2022 | 10:25
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

Lo scorso 19 maggio si è tenuta a Milano la cerimonia di premiazione dei Morningstar Awards for Investing Excellence 2022. L’ospite d’onore è stato il professor Richard Thaler, premio Nobel nel 2017, pioniere dell’economia comportamentale e teorico della Nudge Theory.

Thaler ha ricevuto il Morningstar Empowering Investors Success Award, un riconoscimento che Morningstar ha assegnato per la prima volta a una figura che attraverso la propria attività abbia contribuito a quella che è da sempre la missione di Morningstar, "empowering investors success", cioè potenziare, facilitare, contribuire al successo degli investitori.

Di seguito la trascrizione del video.

Valerio Baselli: Buongiorno e benvenuti. Sono Valerio Baselli e oggi ho il piacere e l'onore di ricevere un vero e proprio pioniere dell'economia comportamentale, il padre della teoria dei Nudge, professore all'Università di Chicago Booth e premiato nel 2017 con il premio Noble per l’Economia, Richard Thaler.

Grazie, professore, per essere qui.

Richard Thaler: Il piacere è mio.

Baselli: L'economia comportamentale è un campo di ricerca relativamente nuovo e in rapida espansione che, in fin dei conti, dice agli economisti tradizionali: "Siate consapevoli dell'irrazionalità, delle emozioni e di tutti gli aspetti psicologici degli esseri umani". Perché questi aspetti non sono stati presi in considerazione fin dall'inizio?

Thaler: La cosa interessante è che sono stati presi in considerazione all'inizio e poi sono stati dimenticati. Adam Smith è spesso considerato l'inventore dell'economia moderna. Parla dell'avversione alle perdite, dell'eccesso di fiducia, della generosità, delle emozioni. Era un economista comportamentale! E l'economia comportamentale è passata attraverso John Maynard Keynes, il grande economista dell'anteguerra. Poi gli economisti si sono dimenticati delle persone e lo hanno fatto per 50 anni.

Baselli: Giusto. E ora, grazie al suo successo, pensa che l'aspetto comportamentale sia preso in considerazione dagli economisti attuali o, ancora più importante, dai decisori politici come i governi?

Thaler: Stiamo facendo breccia nella scienza economica. Tutti i giovani economisti conoscono l'economia comportamentale, tutti i migliori dipartimenti hanno economisti comportamentali e tutte le migliori riviste pubblicano contenuti di economia comportamentale. Non è entrata nei libri di testo perché complica la storia. I laureandi che frequentano un corso di economia di base possono trovare un capitolo, ma il professore lo trova un po' scomodo. Per quanto riguarda i decisori, direi che c'è una crescente comprensione, sia nei governi sia nella comunità imprenditoriale, ma è ancora, come dice lei, un campo nuovo.

Baselli: Parliamo dei mercati. La situazione attuale è ovviamente molto difficile. Ritiene che, nonostante tutto quello che sta succedendo nel mondo, la forte correzione che stiamo vivendo in questo momento sia in qualche modo fisiologica, dopo un lungo periodo in cui i mercati azionari hanno segnato record su record, con Wall Street in testa, ovviamente?

Thaler: Sì. Quando ci si trova in un periodo che sembra essere una bolla, non si sa mai quando finirà. Se torniamo indietro alla bolla tecnologica della fine degli anni '90, molti osservatori, me compreso, hanno iniziato a dire: "Guardate, questi titoli tecnologici sono sopravvalutati", e poi gli anni sono passati e i titoli continuavano a salire: 1996, 1997 e 1998, e naturalmente la correzione è avvenuta solo nel 2000. Oggi non sappiamo se questo periodo sia l'inizio o la fine della cosiddetta correzione. Sembra chiaro che alcune parti del mercato erano sopravvalutate, ma non è mai possibile dimostrarlo. Per esempio, questi titoli cosiddetti "meme stock" sembravano palesemente ridicoli, ma chiunque abbia preso una posizione corta ha perso tutti i suoi soldi.

Baselli: Giusto. Come lei ha detto, i nervi degli investitori sono stati messi alla prova in diverse occasioni negli ultimi anni. Lo scoppio della pandemia, ora il picco dell'inflazione e, naturalmente, la guerra in Ucraina. Ma se ci pensiamo bene, anche la crisi greca e quella del debito sovrano europeo non sono così lontane nel tempo, e nemmeno la crisi dei subprime negli Stati Uniti. Quindi, siamo in grado di imparare dalle crisi del passato?

Thaler: Non sembra esserci alcuna prova del fatto che impariamo. I trader tendono a essere giovani. È un gioco da giovani, per lo più da giovani uomini, perché è un campo in cui le donne non hanno fatto grandi passi in avanti. Ho parlato ai miei studenti della bolla tecnologica, mi hanno chiesto cosa fosse. Eppure è successo solo 20 anni fa. E naturalmente il 1987, quando i mercati azionari sono crollati del 20% in un solo giorno, nessuno di loro sa di cosa sto parlando. Quindi, non credo che impariamo e forse non commetteremo esattamente lo stesso errore. È quello che faccio io: Faccio un errore diverso ogni giorno, non lo stesso. E quindi, chissà.

Baselli: E capisco che, come investitori, il nostro istinto sia il più delle volte sbagliato. Ma questo significa che dovremmo eliminare la componente umana dalle strategie di investimento? È questa la soluzione: dare il potere decisionale a una specie di pilota automatico? O è preferibile un nudge - una spinta?

Thaler: Direi che dipende dalla situazione. Per la maggior parte degli investitori individuali è meglio utilizzare una regola. Non specifichiamo da dove venga questa regola. Il motivo è che il loro istinto è tutto sbagliato. Comprano alto, vendono basso. Se siete stati abbastanza intelligenti da aver venduto all'inizio dell'anno, beh, complimenti. Ma gli investitori individuali intelligenti sono ben consigliati di avere un portafoglio diversificato e poi di lasciar perdere. Lo dico sempre alla gente: Ignorate il mercato, guardate il calcio, ed è più sicuro per il vostro portafoglio... Ora, naturalmente, ha senso continuare a ribilanciare, ma cercare di indovinare se questo è il momento di “buy the dip”, comprare approfittando del calo, non sono abbastanza intelligente per dirlo.

Baselli: La mia ultima domanda per lei, professore. Oggi è abbastanza diffusa l'idea che i consulenti finanziari debbano ricevere anche una formazione in psicologia. Secondo lei sarebbe utile?

Thaler: Credo che un buon consulente finanziario sia in parte economista e in parte psicologo. E se un consulente finanziario non sa come parlare ai propri clienti in questi periodi, non può fare il consulente finanziario. È come per un medico, no? Alcuni medici hanno un approccio migliore e alcuni consulenti finanziari sono più attenti a questo aspetto, ma credo che la comprensione della psicologia del cliente sia essenziale per essere un buon consulente.

Baselli: Grazie mille, professore, per il tempo che ci ha dedicato oggi.

Thaler: È stato un piacere.

Baselli: Per Morningstar, Valerio Baselli, grazie per l’attenzione.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.