Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Quando diversificare un portafoglio di bond e azioni?

Le correlazioni cambiano nel tempo, per cui le scelte di diversificare che hanno funzionato in passato non necessariamente andranno bene in futuro.

Sara Silano 19/05/2022 | 09:00
Facebook Twitter LinkedIn

Diversificazione

Quando i mercati azionari attraversano periodi difficili, come in questo momento, alcuni investitori cercano di diversificare il proprio portafoglio con altri tipi di attività. Il problema è che la diversificazione del portafoglio d'investimento non dovrebbe essere una pratica che l'investitore fa solo quando le Borse scendono. Infatti, nel breve termine, diversificare il portafoglio potrebbe non funzionare sempre come vorremmo.

"Uno dei fatti più crudeli della diversificazione del portafoglio è che può essere o meno redditizia in un determinato periodo", afferma Amy Arnott, portfolio strategist di Morningstar. In effetti, durante i periodi di stress del mercato, molte classi di attività scendono contemporaneamente. Ciononostante, gli investitori professionali considerano la diversificazione una strategia prudente a lungo termine.

Diversificando il portafoglio in diverse classi di attività, gli investitori riducono l'esposizione ai rischi sistemici di una singola asset class. In questo modo, se un crollo delle Borse fa scendere i prezzi azionari, altri titoli non correlati potrebbero non perdere valore nello stesso momento, garantendo una maggiore stabilità.

Tempi difficili per la diversificazione
La diversificazione è stata spesso definita l'unico “pasto gratuito” negli investimenti, ma può essere difficile da attuare. Il Morningstar's 2022 Diversification Landscape Report mostra che la diversificazione di un portafoglio sta diventando sempre più difficile.

"Abbiamo visto che nel 2021 le correlazioni sono diminuite per molte delle principali asset class rispetto alle azioni statunitensi", spiega Arnott. "Ma allo stesso tempo, il mercato è stato molto rialzista per la maggior parte dell'anno. Le azioni sono salite del 26% circa nel corso dell'anno. Per questo motivo, la diversificazione in obbligazioni non ha migliorato i rendimenti nel 2021. Anche l'aggiunta di altre asset class a cui spesso si guarda per diversificare, come le azioni internazionali e l'oro, non ha migliorato la performance".

Guardando al periodo compreso tra il 2011 e il 2020, le obbligazioni si sono rivelate in realtà un buon strumento di diversificazione. “L'aggiunta di bond a un portafoglio di sole azioni avrebbe ridotto leggermente il rendimento, ma avrebbe anche diminuito in modo significativo il rischio”, spiega Arnott. "Quindi, nel complesso, i rendimenti corretti per il rischio sono stati migliori. E questo si è verificato anche nel corso del 2020, soprattutto durante la correzione del mercato di febbraio e marzo. Una cosa interessante è che il tipo più generico di portafoglio diversificato, quello a cui spesso si fa riferimento come un mix 60-40 di azioni a grande capitalizzazione e obbligazioni investment grade, in realtà ha fatto molto bene durante quel periodo di dieci anni. Quindi, l'aggiunta di molte altre asset class specifiche, come le azioni internazionali, le materie prime o l'oro, non ha necessariamente migliorato i risultati rispetto a un semplice mix di azioni e obbligazioni".

Le correlazioni cambiano nel tempo
Il panorama sta cambiando ora perché l'inflazione è in aumento e la politica monetaria è più restrittiva. L'invasione russa dell'Ucraina e i crescenti rischi geopolitici complicano ulteriormente le cose. Gli investitori che cercano di costruire portafogli diversificati devono riconoscere le sfide poste dal variare delle correlazioni nel tempo.

I coefficienti di correlazione servono a quantificare la forza della relazione lineare tra due diversi titoli o classi di attività, x e y. Un coefficiente di correlazione lineare superiore a zero indica una relazione positiva. Un valore inferiore a zero indica una relazione negativa. Infine, un valore pari a zero indica che non c'è alcuna relazione tra le due variabili x e y.

Il problema è che i coefficienti di correlazione cambiano nel tempo, quindi ciò che ha funzionato in passato non funzionerà necessariamente in futuro. Inoltre, l'aggiunta di classi di attività per ridurre la volatilità può comprimere i rendimenti, a volte per periodi pluriennali. Inoltre, le correlazioni tra asset class spesso aumentano durante i periodi di crisi dei mercati, proprio quando si ha più bisogno di diversificazione.

Se si considera il breve e il lungo termine, la ricerca Morningstar suggerisce che i titoli a reddito fisso - compresi il cash, le obbligazioni a breve termine e quelle a lungo termine, soprattutto investment grade - sono stati i migliori strumenti di diversificazione. L'oro ha fatto relativamente bene. Le altre materie prime sono state utili in passato, ma negli ultimi anni le loro correlazioni sono aumentate.

Dove è possibile investire al di fuori di azioni e obbligazioni?
Gli investitori cercano di diversificare anche nelle strategie alternative per ridurre le probabilità di perdita e dare stabilità al portafoglio. "In otto degli ultimi dieci anni solari, tutte e sette le categorie alternative Morningstar hanno sottoperformato l'indice Morningstar US Market, spesso con margini significativi”, afferma Emory Zink, associate director di Morningstar. “Tuttavia, nei periodi di forte ribasso dei mercati, come quello registrato a gennaio, tutte e sette le categorie alternative hanno perso meno del Morningstar US Market index e in alcuni casi hanno registrato rendimenti positivi. Nel complesso, la maggior parte degli alternativi ha mostrato un downside risk significativamente inferiore rispetto ai benchmark del mercato azionario”.

Le ricerche Morningstar suggeriscono che, su periodi più lunghi, la maggior parte delle categorie alternative ha mostrato correlazioni strette con le azioni, ma livelli molto bassi di beta. Ciò significa che i rendimenti di queste categorie alternative non sono principalmente guidati dai movimenti del mercato azionario. “Dal punto di vista della costruzione del portafoglio, tuttavia, gli investitori devono ricordare che l'impatto del basso beta azionario ha un effetto più forte sulla performance del portafoglio rispetto a quello delle correlazioni”, afferma Zink.

E’ tempo di acquistare le criptovalute?
Le criptovalute si distinguono dalla maggior parte delle altre classi di attività per l'assenza di flussi di cassa sottostanti, il che può renderne molto difficile la valutazione, e per il fatto di essere un bene che esiste esclusivamente in forma digitale. Per questo motivo, le correlazioni tra le criptovalute e quasi tutte le altre asset class sono state finora molto basse. Ma queste valute sono estremamente volatili e la volatilità può vanificare i benefici della diversificazione.

“Ad esempio, l'anno scorso il Bitcoin ha registrato un aumento del 100% nel primo trimestre per poi perdere il 40% del suo valore nel secondo", afferma Arnott. "Anche se in teoria le criptovalute potrebbero essere un buon strumento di diversificazione del portafoglio, la volatilità rende molto difficile utilizzarle efficacemente in un portafoglio”.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Vai alla sezione dedicata alla Finanza personale.

Clicca qui.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia