Il mio fondo investe negli Obiettivi di sviluppo sostenibile?

GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA. L’SDG 12 dell’Agenda 2030 riguarda il consumo e la produzione responsabile, quindi l’uso efficiente delle risorse e l’economia circolare. Guardando nei portafogli, è possibile vedere quando si è esposti a questo tema.

Sara Silano 22/04/2022 | 09:13
Facebook Twitter LinkedIn

earth-day

L’Obiettivo di sviluppo sostenibile (SDG) numero 12 dell’Agenda 2030 della Nazioni Unite riguarda “il consumo e la produzione responsabile”. Si riferisce all’uso efficiente delle risorse e dell’energia, alle infrastrutture sostenibili, così come all’accesso ai servizi di base, a lavori dignitosi e rispettosi dell’ambiente e a una migliore qualità della vita per tutti. Il passaggio da modelli produttivi lineari (prendi-produci-usa-getta) a circolari (riutilizza-aggiusta-rinnova e ricicla) è fondamentale per il raggiungimento di questo obiettivo.  

Alcuni dati e fatti riportati dall’Onu fanno riflettere:

-Se la popolazione mondiale raggiungesse 9,6 miliardi all’anno entro il 2050, servirebbero tre pianeti per soddisfare la domanda di risorse naturali necessarie a sostenere gli stili di vita attuali.

-Ogni anno, circa un terzo del cibo prodotto, corrispondente a 1,3 miliardi di tonnellate, per un valore pari a circa mille miliardi di dollari, finisce nella spazzatura dei consumatori e dei commercianti, oppure va a male a causa di sistemi di trasporti o pratiche agricole inadeguati.

- Se la popolazione mondiale utilizzasse lampadine a risparmio energetico, si risparmierebbero 120 miliardi di dollari all’anno.

SDG 12 in portafoglio
Consumatori e imprese, oltre ai governi, hanno un ruolo importante nel raggiungimento dell’SDG 12, ma anche gli investitori possono fare la loro parte. I dati oggi disponibili permettono di vedere l’esposizione del portafoglio di fondi ed ETF (Exchange traded fund) a questo obiettivo in termini di ricavi derivati dalle aziende con riferimento ad esso.

Prendiamo ad esempio il fondo AB Sicav I – Sustainable Global Thematic Portfolio, per il quale Morningstar copre il 100% del portafoglio con riferimento all’SDG 12, grazie alle analisi dei titoli sottostanti realizzata da Sustainalytics. La percentuale di asset in aziende che sono esposte a questo Obiettivo di sviluppo sostenibile è del 17,78% (al 28 febbraio 2022), la più alta tra i fondi azionari internazionali disponibili in Italia, per i quali abbiamo un’elevata copertura di dati sottostanti. Un’analisi più approfondita rivela che il 5,8% del portafoglio è allocato in imprese che derivano oltre il 50% dei ricavi da attività connesse a una produzione più responsabile e un altro 8,6% per il 15-25%. Il comparto, che è classificato come articolo 9 in base al regolamento SFDR, dichiara nel prospetto informativo di “investire in titoli che il gestore ritiene realmente esposti a temi di investimento sostenibili orientati all’ambiente o al sociale, che rientrano negli SDG”. Tra le principali posizioni in portafoglio troviamo Vestas Wind Systems, produttore di turbine eoliche, SVB Financial (la più grande banca della Silicon Valley) e Lumentum Holdings (produttore di strumenti ottici e fotonici). Il fondo ha un Sustainability rating pari a quattro globi che indicano un rischio ESG inferiore ai concorrenti.

L’esposizione a più SDG
Un altro esempio è l’ETF Invesco Msci World ESG Climate Paris Aligned, che replica un indice allineato con gli Accordi di Parigi sul clima (COP 21) e conforme alla normativa dell’Unione europea sui benchmark climatici. Morningstar copre il 99,62% del portafoglio con riferimento all’SDG 12 e l’11,26% è in aziende esposte a questo obiettivo (al 6 aprile), una delle percentuali più alte tra le strategie azionarie internazionali. Il 5,7% degli asset è in imprese che ricavano oltre il 50% da attività connesse con una produzione responsabile. Il comparto, come molti altri di questo tipo, persegue più obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Onu, perché è esposto anche a quelli climatici e della transizione verso fonti rinnovabili, gli SDG 7 e 13 con una percentuale rispettivamente del 2,6% e del 10,5%.

Oltre le etichette
Non sempre il nome di uno strumento finanziario ci aiuta a comprendere la sua esposizione agli obiettivi di sviluppo sostenibile. Ad esempio, l’UBS ETF Global Gender Equality replica un indice composto dalle aziende con i migliori punteggi in termine di diversità di genere, che è l’SDG 5 dell’Onu. Tuttavia, il 7,5% del portafoglio è anche in imprese che perseguono una produzione responsabile, quindi un uso più efficiente delle risorse (dati al 5 aprile 2022).

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Segui lo Speciale Morningstar per la Giornata Mondiale della Terra

Clicca qui.

Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
AB Sustainable Glb Thematic A USD EUR32,56 EUR1,07Rating
Invesco MSCI World ESG Climate Prs Algnd EUR0,00 EUR1,49
Lumentum Holdings Inc77,82 USD0,00
SVB Financial Group400,67 USD0,00
UBS ETF Global Gender Eqlty USD A Dis EUR13,63 EUR0,96Rating
Vestas Wind Systems A/S21,03 EUR0,00

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia