La Cina frena, ma è più solida

L’inflazione scende e il Pil rallenta. Pechino, dicono gli analisti di Morningstar, sta diminuendo gli investimenti e questo inciderà sulla congiuntura. Però darà maggiore stabilità.

Marco Caprotti 16/02/2022 | 12:23
Facebook Twitter LinkedIn

cina

Inflazione in calo, Pil in rallentamento, ma maggiore stabilità economica. E’ questo il quadro che emerge guardando gli ultimi numeri arrivati dalla Cina e le analisi del più recente China Diagnostic, il documento periodico di analisi di Morningstar in cui viene fatto il punto sul paese asiatico.

Secondo il National Bureau of Statistics, a gennaio l'inflazione ha registrato un incremento tendenziale dello 0,9% dopo il +1,5% di dicembre e risulta inferiore alle attese degli analisti (che indicavano un incremento dell'1%). Rispetto al mese precedente, invece, i prezzi al consumo mostrano un aumento dello 0,4%, a fronte del +0,5% del consensus, dopo il -0,3% precedente.

Il Pil rallenta
Il raffredamento del carovita si inserisce nel contesto più generale di un rallentamento della crescita economica del paese.

Secondo l'Ufficio nazionale di statistica il Pil cinese è salito del 4% (anno su anno) nel quarto trimestre del 2021. “La crescita è rallentata notevolmente, non solo rispetto alla fase di ripresa dalla pandemia, ma anche rispetto al tasso prepandemico (che è stato, in media, del 6,5% nel periodo 2017-19)”, spiega Preston Caldwell , responsabile del China Economics Committee di Morningstar.

In passato la rapida crescita della Cina è stata spinta dal ritmo vertiginoso degli investimenti. Tuttavia, la politica del governo sembra ora puntare a un ridimensionamento di questo tipo di spesa, in particolare in settori come quello immobiliare che, l’anno scorso, ha dimostrato di essere un gigante dai piedi d’argilla.

Spese per investimenti in Cina
Investimenti-Cina

 

 

Fonte: Morningstar, National Bureau of Statistics of China


Secondo le previsioni di Morningstar, il Pil cinese, a causa della debole spesa per investimenti, unita a un rallentamento nelle esportazioni nette, dovrebbe viaggiare a una media di +3,9% nei prossimi tre anni.

Andamento del Pil in Cina
Pil-Cina

“Ci aspettiamo che la crescita rallenti ulteriormente fino al 2030, a causa di un'ulteriore riduzione della spesa per investimenti”, dice Caldwell. “Crediamo che il governo sia finalmente pronto ad affrontare il problema degli sprechi eccessivi e, quindi, ci aspettiamo che vengano introdotte le misure politiche necessarie per garantire un calo duraturo degli investimenti. Certo, questo cambiamento di strategia implica una crescita più lenta del Pil, ma è necessario per riportare l'economia cinese su una base più solida”.

La Borsa frena ancora
In Borsa, intanto, l’azionario cinese viaggia a rilento, anche se mostra una maggiore resilienza rispetto a quello del resto del mondo.

L’indice Morningstar China da inizio anno (fino al 15 febbraio e calcolato in euro) ha perso lo 0,32%. Nel 2021 aveva segnato -15,2% (+20,6% nel 2020). Da gennaio il paniere Global Markets ha segnato -4,78% (+26,7% l’anno scorso e +6,5% l’anno precedente).

Indici Morningstar China e Global Markets a confronto dal 2020
 

Fonte: Morningstar Direct

Dal punto di vista delle valutazioni di Borsa, attualmente secondo il Morningstar Global Market Barometer, l’azionario cinese è sottovalutato del 24% rispetto al rapporto Price/Fair value (relativamente alle stock coperte dall’analisi Morningstar. Dato in valuta locale aggiornato all’11 febbraio 2022). 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi le altre analisi dedicate ai mercati emergenti

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.