Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

I nuovi ETF a 5 stelle del 2021

Nel corso dell’anno, 28 Exchange traded fund tra quelli disponibili agli investitori italiani hanno ottenuto il massimo punteggio del Morningstar Rating. Le categorie azionarie dei paesi sviluppati e quelle settoriali sono le più presenti. Quattro i prodotti Strategic beta e otto quelli sostenibili.

Valerio Baselli 13/12/2021 | 09:18
Facebook Twitter LinkedIn

ETF

Il Morningstar Rating ha lo scopo di individuare l’eccellenza. Nel corso del 2021 sono stati 28 gli Exchange traded fund domiciliati in Europa e registrati alla vendita in Italia che hanno ottenuto le cinque stelle (alcuni dei quali erano in precedenza sotto i tre anni di vita, quindi senza rating, la maggior parte invece aveva un giudizio inferiore alla fine del 2020).

Le cinque stelle vengono assegnate solo al miglior 10% dei fondi all’interno di ogni categoria in termini di Morningstar Risk-Adjusted Return (rendimento aggiustato per il rischio).

Qui sotto la tabella con i primi 15 replicanti per patrimonio gestito tra quelli che hanno ottenuto le cinque stelle nel corso di quest’anno (i dati sono al 9 dicembre 2021; nel corso delle ultime settimane dell’anno, quindi, potrebbero esserci altri fondi che ottengono le cinque stelle).

ETF

Le categorie che hanno visto i maggiori cambiamenti sono state quelle azionarie Usa large-cap blend (tre nuovi fondi a 5 stelle), azionarie globali large-cap blend (3), oltre ad alcune categorie settoriali, come tre nuovi ETF a 5 stelle tra quelli esposti al settore delle comunicazioni, due tra quelli dedicati all’industria farmaceutica e ai materiali di base. Da sottolineare poi la presenza di ben sei fondi obbligazionari europei, benché di 5 categorie diverse (bond governativi, inflation-linked, diversificati, corporate e a lungo termine). Troviamo poi un fondo dedicato al mercato azionario tedesco, un tematico esposto al settore idrico e un ETF sui bond emergenti in valuta locale.

Da notare poi anche come tra i 28 ETF, ce ne siano quattro di tipo Strategic beta, due azionari e due a reddito fisso. Sono invece otto i replicanti classificati come “sostenibili” dalla nuova regolamentazione europea SFDR (sette sotto l’articolo 8 e uno sotto l’articolo 9).

Di seguito un focus sui quattro fondi coperti dalla ricerca qualitativa di Morningstar tra i 28 che hanno ottenuto le 5 stelle nel 2021.

Xtrackers MSCI USA ESG UCITS ETF 1C (EUR)
Il fondo offre un portafoglio di azioni statunitensi selezionate dal più ampio universo dell’indice MSCI USA applicando dei filtri ESG. I due più importanti sono basati sulle emissioni di carbonio e sul coinvolgimento in armi controverse. Il benchmark replicato dal fondo, l’MSCI Usa Low Carbon SRI Leaders, è composto da circa 220 titoli e mira a mantenere una ponderazione settoriale simile all’indice di partenza. Tuttavia, dato che non c’è un limite nel peso dei singoli titoli, gli investitori si trovano esposti al rischio di sovra concentrazione. Attualmente, ad esempio, Microsoft è il nome più pesante del portafoglio con il 13,5% degli asset, contro il 5,7% coperto nel “parent index”. Le spese correnti sono di 15 punti base e l’ETF ottiene un Morningstar Analyst Rating pari a Bronze.

SPDR® Bloomberg Barclays Emerging Markets Local Bond UCITS ETF (Dist) (EUR)
Rispetto alle loro controparti sviluppate, le obbligazioni dei mercati emergenti sono più rischiose, sono tipicamente più illiquide e hanno costi di transazione più elevati. Inoltre, una strategia di debito sui mercati emergenti in valuta locale ha un livello di rischio aggiuntivo legato alle molteplici valute in gioco. Tuttavia, secondo gli analisti di Morningstar, gli argomenti a favore di un approccio passivo all'investimento nel debito pubblico dei mercati emergenti denominato in valuta locale sembrano convincenti e lo SPDR Bloomberg Barclays Emerging Market Local Currency Bond ETF si distingue come una strategia superiore alla media. I benefici composti del basso costo e dell’ampia diversificazione del portafoglio dovrebbero portare benefici nel lungo termine. Il fondo, con delle spese correnti di 18 punti base, ottiene una medaglia di Bronzo.

iShares Global Water UCITS ETF USD (Dist) (EUR)
Il fondo (che ottiene un Analyst Rating pari a Silver) utilizza la replica fisica completa per tracciare lo S&P Global Water Index, il quale offre esposizione a 50 società coinvolte nel settore idrico in tutto il mondo. Al fine di fornire un’esposizione equilibrata, l’indice è equamente distribuito tra aziende specializzate in servizi idrici e in costruttori di infrastrutture. Le aziende con attività legate all'acqua come loro competenza di base sono ponderate in base alla loro capitalizzazione di mercato. Le società multinazionali con un'esposizione significativa alle imprese connesse con l'acqua, invece, sono ponderate solo a metà della loro capitalizzazione di mercato. Inoltre, l’esposizione massima su una società è limitata al 10%. Dal punto di vista geografico, quasi la metà del portafoglio è dedicato a società americane. Le spese correnti sono pari allo 0,65%, ben al di sotto della media di categoria.

Lyxor Core Euro Government Inflation-Linked Bond (DR) UCITS ETF
Il replicante targato Lyxor è considerato dai nostri analisti una proposta interessante per gli investitori che cercano una partecipazione nei titoli di Stato indicizzati all’inflazione dell’Eurozona. Il mercato replicato è relativamente piccolo e rispetto ad altre aree geografiche - per esempio, il Regno Unito - non ha una duration eccessivamente elevata. Ci sono limitate opportunità di aggiungere valore in modo coerente, quindi un approccio passivo a basso costo è in grado di fornire rendimenti superiori alla media nel lungo termine. Questa strategia segue un indice che copre tutti gli emittenti con un rating investment-grade. Il fondo ottiene un Morningstar Analyst Rating pari a Silver.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.