Mercati privati, cosa sono i mega-fund

Hanno a disposizione ingenti capitali per finanziare i diversi stadi di crescita delle aziende. Ma sono poco flessibili e non sempre danno il rendimento sperato. 

Marco Caprotti 23/10/2020 | 09:14
Facebook Twitter LinkedIn

mega funds deal

Nei mercati privati le dimensioni dei fondi sono in aumento da anni. Nel 2018 la raccolta dei fondi di private equity ha superato, mediamente (e per la prima volta), il miliardo di dollari. L’anno seguente la cifra è passata a quasi 1,7 miliardi di dollari. “Uno dei principali fattori che stanno contribuendo a questo aumento delle dimensioni dei fondi è la crescita complessiva dell'attività dei cosiddetti mega-fondi”, spiega Wylie Fernyhough, Analyst di PitchBook.

-Nel private equity, i mega-fondi sono definiti come veicoli che gestiscono asset da 5 miliardi di dollari o più.

-Nel venture capital, 1 miliardo di dollari è sufficiente per essere considerato un mega-fondo.

I mega-fondi hanno consolidato il loro status di gruppo di strumenti più influenti nel settore grazie agli ingenti capitali che controllano. “Solo una manciata di questi strumenti ha rappresentato il 45,3% del capitale raccolto in nord America tra il 2016 e il 2019 e il 42,2% in Europa nello stesso arco di tempo”, dice Fernyhough.

Non c'è necessariamente un limite alle dimensioni di questi fondi. “Fino ad ora non hanno superato i 25 miliardi di dollari”, dice l’analista. “Nel private equity, ad esempio, la forchetta fra 20 e 25 miliardi sembra essere il tetto massimo anche se alcuni grandi player del settore, come Blackstone, stanno cercando di andare oltre”.

A gestire questi mega fondi sono spesso grandi istituzioni finanziarie che vanno alla ricerca di società da finanziare nei diversi stage (clicca qui per la terminologia dei mercati privati). Tuttavia, anche realtà più piccole e specializzate possono mettere in piedi strumenti analoghi. Soprattutto quelle con strategie focalizzate sulla tecnologia o su mercati di nicchia.

Vantaggi e svantaggi
Per le imprese più grandi, l'enorme quantità di capitale coinvolto funge da vantaggio, creando un tetto che è difficile da superare per i concorrenti più piccoli e che, quindi, hanno maggiori difficoltà nell’imporsi come potenziali partner più appetibili ed affidabili delle società che cercano un finanziamento.

Lo svantaggio è che i mega-fondi sono poco flessibili e possono offrire meno opportunità di fare meglio rispetto ai fondi più piccoli e ai mercati pubblici. “Le nostre ricerche sull'argomento hanno dimostrato che un esiguo numero di mega-fondi ha avuto livelli significativi di sovraperformance o sottoperformance rispetto alle controparti tradizionali”, dice l’analista. “Inoltre, le operazioni più piccole (che spesso avvengono a multipli inferiori e hanno un maggiore potenziale di apprezzamento) hanno un impatto relativamente minore su fondi così grandi. Questo spinge i gestori a cercare operazioni di maggiore portata che, però, offrono minori possibilità di apprezzamento”.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi tutti gli articoli della Settimana speciale dedicata all'educazione finanziaria.

Clicca qui.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.