Perché investire nelle Large cap attraverso gli Etf?

Nel segmento dei titoli a larga capitalizzazione gli strumenti che replicano un indice garantiscono una più ampia diversificazione e costi più bassi. Ecco alcune opzioni per esporsi alle Borse del Vecchio continente.

Francesco Lavecchia 20/05/2020 | 09:53

Fondi attivi o fondi passivi? I numeri dell’Active/Passive Barometer di Morningstar dicono che nelle categorie Large Cap sono da preferire quelli che replicano il benchmark. Il Barometro, che misura il successo dei fondi attivi comparandoli con un paniere omogeneo di strumenti passivi e valutandone la performance e il tasso di sopravvivenza su diversi orizzonti temporali, indica come nel lungo periodo i gestori attivi specializzati nel segmento equity di larga capitalizzazione hanno una bassa percentuale di successo nel sovraperformare quelli che replicano il benchmark. E questo è vero sia per i fund manager americani sia per quelli europei.

Tra i comparti Large Cap domiciliati nel Vecchio continente la percentuale di successo degli attivi negli ultimi 10 anni (al 31/12/2019) non supera il 34%. I gestori più virtuosi sono quelli che investono nel mercato azionario tedesco e britannico, mentre il risultato peggiore lo registra la categoria US Large Cap Growth (0%). Negli Stati Uniti le gestioni attive in titoli Usa Large Cap sovraperformano i fondi passivi solo in 8 casi su 100 e la percentuale sale “appena” al 33% per quelle che investono nelle Big Cap straniere.

Perché l'ETF sovraperforma i fondi attivi
Le ragioni di questa sottoperformance, dicono gli analisti, sono da ricondurre a tre fattori: gap informativo, costi e concentrazione del portafoglio.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi tutti gli articoli della Settimana Speciale sul Low cost investing

Clicca qui.

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
iShares MSCI Europe SRI ETF EUR Acc EUR46,75 EUR-1,38
iShares STOXX Europe 600 (DE) EUR35,64 EUR-1,42
Lyxor Core STOXX Europe 600(DR) ETF Acc EUR150,52 EUR-1,40
Vanguard FTSE Developed Europe ETFEURAcc EUR28,11 EUR-1,68

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies