Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

La Fase 2 dei fondi tematici

La pandemia di Coronavirus ha posto nuove sfide all’economia, alla medicina e al nostro modo di vivere. Dal punto di vista degli investimenti, tecnologia e salute sono diventati temi strutturali. E il confine rispetto agli strumenti settoriali è sempre più sottile.

Sara Silano 14/05/2020 | 09:41
Facebook Twitter LinkedIn

Tecnologia e salute

 

Morningstar ha stimato che nel mondo circa 195 miliardi di dollari sono investiti in fondi ed Exchange traded fund (Etf) tematici, pari all’1% degli asset totali dei comparti azionari globali (dati a fine 2019). Negli ultimi tre anni, il patrimonio di tali strumenti è quasi triplicato e l’offerta è cresciuta in modo significativo. Solo nel 2019, sono stati lanciati 154 prodotti di questo tipo, poco sotto il livello record del 2018 (169) portando la gamma complessiva a 923 fondi.

Crescita del patrimonio gestito dei fondi tematici a livello globale

 

Crescita degli AUM dei fondi tematici nel mondo

L’Europa è il più grande mercato al mondo per i fondi tematici con una quota del 54% sul totale. Negli ultimi 5 anni, Morningstar ha stimato flussi netti per 45 miliardi di dollari (al 31 dicembre 2019). Il 90% del patrimonio è in strategie attive. Queste ultime prevalgono anche nel resto del mondo, con l’eccezione del nord America dove l’80% è in Etf.

L’evoluzione dei temi
Il filone tecnologico è il più popolare con 27 miliardi di patrimonio a livello globale. Ma è proprio da questo mega-trend, insieme a quello della salute, che potrebbe cominciare una nuova fase evolutiva degli strumenti tematici, complice l’impatto del Coronavirus sull’economia globale, che impone nuove modalità di lavorare e vivere, oltre alle sfide in campo medico.

“La linea tra fondi tematici e settoriali può essere sfumata”, dice Kenneth Lamont, senior analyst di Morningstar.  “Le definizioni dei settori sono cambiate nel tempo e anche i trend sono in continua evoluzione”. E’ della stessa opinione Luca Giorgi, Head of Wealth di BlackRock per l’Italia, la Grecia e Malta. “Il connubio è forte”, afferma. “L’epidemia di Covid-19 ha reso la tecnologia e la salute temi strutturali. La diversificazione tematica e settoriale funziona. La prima mi permette di cogliere un trend; la seconda di tenere in considerazione le diverse fasi del ciclo economico”.

Se confrontiamo gli indici Morningstar US sul settore tecnologico, energetico e farmaceutico tra marzo e aprile vediamo come gli andamenti siano stati differenti. Se un investitore avesse avuto solo titoli delle compagnie petrolifere si sarebbe trovato con forti perdite; mentre hi-tech e salute hanno tenuto. Per Giorgi, la diversificazione settoriale può avere una posizione centrale (core) in portafoglio, mentre quella tematica è “satellitare” e di lungo periodo.

Confronto tra indici Morningstar USA settoriali dallo scoppio dell'epidemia

Temi vincenti e costi
L’ideale sarebbe cogliere il trend in anticipo in modo da poter beneficiare in pieno del suo sviluppo, ma azzeccare il momento giusto è molto difficile, così come scegliere il tema vincente. La ricerca Morningstar dimostra che a livello globale solo il 45% dei fondi tematici lanciati prima del 2010 esiste ancora tutt’oggi. Di questi, uno su quattro ha avuto performance superiori all’indice azionario globale nel decennio.

Il risultato è dovuto in parte ai costi superiori agli strumenti tradizionali. I fondi attivi sono quelli con le commissioni di gestione medie più alte (1,25%), i passivi sono più economici (0,52%). A confronto i non-tematici mostrano rispettivamente fee medie dell’1,02% e dello 0,32%. “La costruzione di un indice tematico è più costosa”, spiega Giorgi. “Sugli Etf settoriali, invece, vediamo maggiori pressioni sui margini”.

Commissioni di gestione medie dei fondi in Europa

Commissioni dei fond tematici e tradizionali

Attivi o passivi?
Un investitore potrà domandarsi se sia meglio prediligere le strategie passive, che hanno comunque costi più bassi delle attive. Secondo gli esperti di Morningstar, entrambe hanno pro e contro. “Le prime sono relativamente più economiche e trasparenti”, dice Lamont. “D’altra parte, la fedeltà a un indice che risponde a regole precise può essere sia un vantaggio sia uno svantaggio data l’evoluzione dei temi. I gestori attivi hanno più flessibilità e quindi possono aggiustare il portafoglio in linea con i cambiamenti. Possono anche selezionare le società meno liquide ma che potrebbero potenzialmente trarre maggior beneficio da un determinato trend. L’altra faccia della medaglia è che non ci sono molte evidenze della loro capacità di usare bene la flessibilità per creare più valore”.

BlackRock ha tutti e due i tipi di strumenti e Giorgi vede opportunità in entrambi i casi: “Se l’universo di titoli è ampio, potrebbe essere meglio un fondo attivo (ad esempio sul tema dei trasporti del futuro); se è piccolo un Etf (biotecnologie)”, spiega. “E’ bene guardare anche la dispersione dei rendimenti: se è grande, un active manager sarebbe da preferire; se è limitata un indicizzato potrebbe andare bene.

Il posto in portafoglio
Secondo i ricercatori di Morningstar, all’interno di un portafoglio diversificato, la maggior parte dei fondi tematici può avere una funzione di crescita del potenziale rendimento, ma alcuni possono essere usati per ridurre i rischi, come ad esempio quelli sulle energie alternative con riferimento ai pericoli derivanti dal cambiamento climatico. “Se un fondo tematico ha dei driver di rischio/rendimento diversi dagli altri strumenti in portafoglio, inserirlo può aumentare i benefici della diversificazione”, conclude Lamont.

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi tutti gli articoli dedicati agli effetti del Cornavirus sui mercati.

Clicca qui.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia