Rendimenti, i conti non tornano

La performance totale di un fondo può differire da quella personale. E l’investitore può perdere anche se il fondo guadagna. Ecco perché.

Sara Silano 11/08/2016 | 10:05
Facebook Twitter LinkedIn

Scrive un risparmiatore: “Guardo e riguardo i rendimenti dei miei fondi e i conti non tornano. Le schede informative delle società di gestione dicono una cosa, ma il mio portafoglio è differente. Come è possibile? Chi ha ragione?”. Probabilmente, entrambi.

Il rendimento totale può differire da quello personale. Il primo, che si trova nei documenti di sintesi dei prodotti, è generalmente calcolato nell’anno solare, dal 1 gennaio al 31 dicembre. Il secondo, invece, dipende da quando l’investitore acquista il fondo e dalle successive operazioni, come ad esempio le vendite parziali o gli acquisti di nuove quote, nel periodo considerato.

Morningstar calcola il ritorno dell’investitore (investor return) sulla base dei flussi di sottoscrizioni e riscatti, che sono di fatto una rappresentazione del comportamento dei risparmiatori. Vediamo come funziona, prendendo ad esempio i due più grandi comparti disponibili in Italia ai privati (esclusi i monetari): Carmignac Patrimoine e Templeton Global Bond.

Flussi e deflussi
Entrambi sono stati protagonisti della raccolta negli ultimi anni, alternando anni di flussi netti positivi a periodi di forti riscatti. Nel 2010, Carmignac Patrimoine (Morningstar Analyst rating Bronze, assegnato il 25 giugno 2015 - report di Thomas Lancereau) ha registrato sottoscrizioni nette in tutta Europa per 7,7 miliardi di euro; l’anno successivo i riscatti netti hanno superato i due miliardi. Era il 2011, anno in cui culmina la crisi del debito sovrano nel Vecchio continente e i differenziali tra i titoli di stato periferici e il Bund tedesco si impennano. I gestori, Edouard Carmignac e Rose Ouahba, riuscirono a contenere le perdite intorno allo 0,7% nei dodici mesi; tuttavia gli investitori lasciarono sul terreno oltre l’1%, a causa delle dinamiche dei flussi. Nel 2014, i riscatti furono di 3,7 miliardi, nonostante il fondo abbia reso quasi il 9%. Le nuove sottoscrizioni sono arrivate successivamente, nel 2015, con un investor return praticamente nullo.

Carmignac PatrimoineIl divario è ancora più ampio nel caso di Templeton Global Bond (rating Silver, assegnato il 25 maggio 2016 – report di Mara Dobrescu). Nel 2010 ha registrato flussi netti per quasi un miliardo di euro a fronte di un rendimento totale del 19,5% della classe in euro, ma il ritorno per l’investitore è stato “appena” del 10,3%. Il peso dei mercati emergenti in portafoglio lo fanno muovere in sincronia con gli asset più rischiosi, il che lo penalizza negli anni più difficili come il 2011; tuttavia la performance totale di lungo periodo è stata migliore della media. Purtroppo, i sottoscrittori ne hanno persa una buona parte con ingressi e uscite frequenti.

 

Templeton global bond

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Carmignac Patrimoine A EUR Acc648,29 EUR-0,27Rating
Templeton Global Bond A(acc)EUR25,64 EUR-0,27Rating

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia