L’enigma del rame

Le stime di prezzo del metallo che circolano in questo momento sembrano troppo ottimistiche. I fondi hanno diminuito l’esposizione nel corso degli anni. Chi sceglie l’equity deve guardare a società che diversificano il business. 

Marco Caprotti 16/03/2016 | 10:45

Attenti al rame. Le previsioni sul metallo, infatti, potrebbero essere più cupe di quello che gli investitori pensano. I prezzi sono in calo costante dal picco di 4,5 dollari alla libbra toccato all’inizio del 2011 e, alla fine del 2015, si sono stabilizzati a 2,10 dollari. Questo collasso è stato accompagnato da opinioni diverse riguardo al futuro delle valutazioni.  Gli ottimisti parlano di richiesta di prodotto di qualità sempre più bassa (e quindi meno costoso da estrarre), di una domanda solida (anche se in rallentamento) da parte della Cina e del bisogno di nuove miniere per coprire le necessità che verranno. I pessimisti, invece, citano i dubbi sulla capacità di Pechino di crescere come in passato, l’andamento deflattivo dei prezzi della materia prima e l’aumento del numero di miniere che stanno aprendo. In questo quadro le stime per il prezzo del rame vanno dai 2,25 ai 3 dollari alla libbra.

“Noi non siamo cosi ottimisti”, spiega Jeffrey Stafford, analista di Morningstar. “Noi prevediamo un prezzo di lungo termine di 2 dollari alla libbra e ci aspettiamo che il calo della domanda cinese – che pesa per circa la metà di quella globale – spinga le valutazioni al di sotto di questa soglia sia nel 2016 che nel 2017. Colpa soprattutto, del rallentamento nel processo di urbanizzazione che richiederà meno materiale per uso edilizio”. Secondo le stime di Morningstar il consumo di rame lavorato a livello globale raggiungerà i 23,9 milioni di tonnellate metro entro il 2020 rispetto ai 22,8 milioni di tonnellate metro del 2014. In altri termini si tratta di una crescita annuale dello 0,7% contro il 3,2% segnato nel decennio iniziato nel 2004. Dal 1970 al 2014 il consumo è salito a un ritmo del 2,6%.

Il ruolo del mattone
Ma il Regno di mezzo non è l’unico elemento che va tenuto in considerazione. Da tempo economie mature come l’Europa e il Giappone hanno tagliato il consumo di rame, soprattutto durante l’ultima crisi economica. “E’ importante sottolineare che il consumo di rame in queste aree era iniziato a calare anche prima della recessione”, dice l’analista. “Questo anche a causa della delocalizzazione che ha portato molte aziende dei paesi sviluppati a traferire le attività di produzione in paesi emergenti. Un’eccezione di rilievo è rappresentata dagli Stati Uniti dove il settore delle costruzioni pesa per circa la metà del consumo nazionale di rame. Secondo le stime di Morningstar in Usa il consumo di rame dovrebbe crescere a un tasso annuale del 4,1% fino al 2020 (rispetto a un calo del 2,1% visto dal 2004 al 2014), grazie a una ripresa dell’attività edilizia nel paese.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Anglo American PLC2.913,50 GBX0,92
Teck Resources Ltd Class B27,01 CAD3,33

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies