Quando il report fa dare i numeri

Gli operatori spesso vivono con troppa ansia l'arrivo di dati macro ritenuti importanti. Per poi scoprire di aver perso delle opportunità. 

Marco Caprotti 12/06/2013 | 15:35

Indici piatti, atmosfera di attesa nelle sale operative e un vago senso di smarrimento fra gli investitori retail. Sono questi, di solito, i fenomeni che accompagnano l’arrivo di un report macroeconomico ritenuto importante. A cui segue, spesso, la convinzione di aver perso tempo e opportunità di investimento.

L’ultima volta è successo fra la fine di maggio e l’inizio di giugno quando gli operatori aspettavano i dati mensili sulla disoccupazione Usa. In quell’occasione gli Stati Uniti hanno poi dimostrato di essere in grado di continuare a creare lavoro: i nuovi occupati sono stati 175mila in più, meglio delle attese.

La natura degli investitori
“La storia si ripete ogni volta che stanno per uscire dei rapporti considerati fondamentali  come quelli sull’occupazione Usa, sulle previsioni della Bce  o sull’indice Pmi della Cina elaboratro da Hsbc (considerato più attendibile di quello preparato da Pechino, Ndr)”, spiega uno studio della società di consulenza Advice IQ. “Si aspettano i risultati e, se sono al di sotto delle attese, partono immediatamente le vendite. Poi arriva l’illuminazione: il mondo, nonostante tutto, non sta per finire. E’ un fenomeno che la finanza comportamentale studia da tempo. Come quello in base al quale gli investitori credono ciecamente alle previsioni ottimistiche sull’andamento dei mercati ma poi vanno nel panico se non si realizzano immediatamente”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar