BlackRock alla Fed: “Basta con il Qe”

Rick Rieder, responsabile obbligazionario del colosso americano, non usa mezzi termini e chiede a Ben Bernanke di non proseguire con il Quantitative easing.

Valerio Baselli 10/04/2013 | 11:22
Facebook Twitter LinkedIn

Il programma di acquisto di obbligazioni della Federal Reserve è come a large and dull hammer, un martello grosso e stupido. A dirlo è Rick Rieder, responsabile obbligazionario di BlacRock, per cui gestisce 763 miliardi di dollari, in un’intervista rilasciata al Financial Times e ripresa dalle più importanti agenzie di stampa. Così, dopo il guru del reddito fisso Bill Gross (Pimco), che non ha mai nascosto la sua avversione alla politica espansiva della banca centrale americana, anche l’altro colosso finanziario statunitense lancia segnali (di critica) forti e chiari a Ben Bernanke.

La Federal Reserve, attualmente, acquista 85 miliardi di dollari tra titoli di Stao Usa (Treasury) e Mortgage backed securities (bond garantiti da un insieme di mutui ipotecari), ovvero due terzi delle emissioni nette totali. “La politica della Fed ha avuto un effetto distorsivo sulle decisioni di allocazione del capitale praticamente a tutti i livelli l'economia", ha commentato Rieder, il quale suggerisce alla banca centrale di dimezzare i propri acquisti mensili, in modo da sostituire i bond in scadenza e mantenere così il bilancio sui livelli attuali.

Secondo il manager l’economia Usa sta vivendo un buon momento, nonostante la disoccupazione rimanga al 7,6% e il mercato del lavoro abbia una serie di problemi strutturali che verranno superati solo col tempo.  Inoltre, secondo gli analisti di BlackRock, il target del tasso di disoccupazione al 6,5%, fissato dall Fed come condizione per interrompere il Qe, non verrà raggiunto prima della fine del 2015. Inoltre, sostengono gli analisti, il tasso d’interesse decennale sui Treasury Usa è circa 100 punti base più basso di quello che dovrebbe essere e questo acutizza le perdite nei portafogli obbligazionari.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies