Guida alle strategie aggressive

Per investire bisogna essere coraggiosi. I rischi fanno parte del percorso per raggiungere gli obiettivi finanziari. Si possono cavalcare o gestire, ma non annullare del tutto.

Sara Silano 17/06/2019 | 09:19

Se provate a digitare su Google le parole “fearless investing”, vi accorgerete che la vostra ricerca darà migliaia di risultati. La ragione è semplice: per investire bisogna avere il coraggio di assumersi dei rischi. In alcuni casi sono minimi, ad esempio quando si scelgono titoli di Stato di paesi molto solidi; in altri sono elevati, come quando si punta su un’obbligazione spazzatura (junk bond).

Osare di più dà l’opportunità, ma non la garanzia, di ottenere rendimenti migliori. E’ per questo che il rapporto degli investitori con il rischio è di amore-odio. E’ il benvenuto quando gioca a nostro favore, ma lo detestiamo quando ci è avverso. In ogni caso, per raggiungere i nostri obiettivi finanziari dobbiamo assumerci dei rischi. Meglio, dunque, conoscerli e imparare a gestirli.

Esistono due grandi tipologie di pericoli. In gergo tecnico si parla di “sistematici” e “idiosincratici”. I primi sono quelli di mercato, che sono determinati da due variabili economiche: la crescita e l’inflazione. I secondi sono specifici di un’azienda o attività finanziaria e possono derivare da una molteplicità di fattori non sempre facili da prevedere.

Gestire i rischi è fondamentale per raggiungere i nostri obiettivi finanziari. Gli strumenti a nostra disposizione sono soprattutto l’asset allocation (come allochiamo le risorse) e la diversificazione (evitare di mettere tutte le uova nello stesso paniere). Il primo è particolarmente utile quando affrontiamo il rischio sistematico; il secondo quando siamo alle prese con quello idiosincratico.

Morningstar dedica l’intera settimana all’analisi delle strategie di investimento aggressive e alle misure di rischio di portafoglio.

Lunedì 17 giugno

L’ABC dei rischi

A lezione di leva finanziaria

ETP strutturati, un'arma a doppio taglio

Martedì 18 giugno

VIDEO: Concentrazione non fa rima con sovraperformance

La strategia “lepre” per un portafoglio ad alto contenuto Growth

Mercoledì 19 giugno

3 fondi bilanciati aggressivi che meritano la medaglia

Tre idee controcorrente

Bond high yield: attenti all’alto rendimento

Giovedì 20 giugno

I growth che non smettono di crescere

Alla carica con le small cap

Ciclici, un asset per avere un portafoglio d’assalto

H2O Allegro finisce sotto revisione

Venerdì 21 giugno

Cavalcare la volatilità con energia, risorse naturali e metalli preziosi

Se il fondo va sotto stress

VIDEO Analisi: Fidelity Asian High Yield 

Leggi gli articoli della precedente Settimana Speciale dedicata ai mercati europei.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar