Il mattone tira il fiato per ripartire

Il riposizionamento dei portafogli ha messo in ombra il real estate. Ma, spiegano gli analisti, il settore interessa. Anche ai bondholder.

Marco Caprotti 28/01/2011 | 13:40

Dopo un 2010 di corsa, il real estate ha deciso di prendersi un attimo di pausa. Ma, dicono gli analisti, presto potrebbe riprendere a marciare con passo veloce. L’indice Msci del settore calcolato in euro (che l’anno scorso ha guadagnato più del 25%), nell’ultimo mese (fino al 27 gennaio) ha perso lo 0,77%. Un andamento, spiegano gli operatori, dovuto più al riposizionamento dei portafogli che non a scelte di prudenza. Gli ultimi dati arrivati dagli Stati Uniti sulle vendite di case, migliori delle attese degli analisti, ad esempio, mostrano una situazione salutare.

La Cina tira ancora il freno
Anche le scelte della Cina di frenare il mercato del mattone sono ormai considerate la ricetta giusta per evitare lo scoppio di una bolla che potrebbe avere effetti imprevedibili. Proprio per questo la situazione del Paese del drago viene monitorata con estrema attenzione dagli operatori. Secondo gli ultimi dati resi noti da Pechino i prezzi delle abitazioni a dicembre sono cresciuti per il diciannovesimo mese consecutivo.

Per questo motivo, oltre ai limiti imposti alle banche nella concessione dei mutui per le seconde e terze case, le autorità cinesi hanno deciso di fare un esperimento, per ora limitato a due città, introducendo nuove tasse sugli immobili e obbligando le autorità locali a fissare dei valori massimi oltre i quali i prezzi delle case non possono andare. Gli analisti, tuttavia, sono concordi nel dire che si tratta di misure leggere. Segno aggiungono che la situazione dovrebbe essere tutto sommato sotto controllo.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies