Gli energetici non sono più a sconto

Le trimestrali delle major petrolifere hanno certificato una contrazione degli utili, a causa del calo dei prezzi di greggio e gas. Gli analisti di Morningstar hanno mantenuto invariate le stime del fair value e ora i titoli viaggiano in linea con le nostre valutazioni.

Fernando Luque 14/11/2023 | 00:01
Facebook Twitter LinkedIn

petrolio

Le big del settore energetico hanno pubblicato i dati del terzo trimestre ed è arrivato il momento di fare il punto della situazione. Tutti, senza nessuna eccezione, hanno registrato una contrazione degli utili rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso a causa del calo dei prezzi del petrolio e del gas. Ma questo non ha impedito loro di continuare a remunerare i propri azionisti attraverso dividendi o riacquisti di azioni proprie.

Di seguito, diamo uno sguardo alle 3 maggiori società energetiche americane (Exxon Mobil Corp, Chevron Corp e ConocoPhillips) ed europee (Shell PLC, TotalEnergies SE e BP PLC) per capitalizzazione di mercato.

 

 

Exxon Mobil (XOM)

“Gli utili del terzo trimestre di Exxon sono scesi a 9,1 miliardi di dollari, dai 18,7 miliardi dell'anno precedente. I profitti sono diminuiti in tutti i segmenti a causa dei prezzi più bassi del petrolio e del gas e dei margini di profitto più bassi nei segmenti raffinazione e chimico.

Nel corso del trimestre, Exxon ha raggiunto prima del previsto l'obiettivo di un risparmio strutturale sui costi di 9 miliardi di dollari, ha pagato dividendi per 3,7 miliardi di dollari e ha riacquistato azioni per 4,4 miliardi. Ha inoltre aumentato la cedola del quarto trimestre del 4%, a 0,95 dollari per azione, e prevede di riacquistare azioni per circa 17,5 miliardi nel 2023. La nostra stima del fair value di 118 dollari e il Moat pari a Medio sono rimasti invariati.

Al di fuori dell'aumento della cedola, il trimestre si è rivelato relativamente poco interessante. Il management prevede un aggiornamento del piano aziendale all'inizio di dicembre. Tuttavia, non ci aspettiamo alcuna deviazione dalla strategia o dalle prospettive esistenti”, Allen Good (report aggiornato al 27 ottobre 2023).

Chevron (CVX)

“Gli utili del terzo trimestre di Chevron sono scesi a 5,7 miliardi di dollari, rispetto ai 10,8 miliardi dell'anno precedente, a causa della contrazione del prezzo delle materie prime e dei margini di raffinazione globali più bassi. Non solo gli utili sono stati inferiori alle aspettative di mercato, ma il management ha anche annunciato un ulteriore rinvio e un aumento dei costi per i suoi due principali progetti in Kazakistan.

La combinazione di conti inferiori alle attese e di ritardi nei principali progetti ha fatto calare le quotazioni di Chevron. Nonostante questo, riteniamo che le perdite registrate in Borsa (circa 17 miliardi di dollari in termini di capitalizzazione di mercato) siano frutto di una reazione eccessiva e di un atteggiamento miope del mercato. Prevediamo di aggiornare il nostro modello di previsione, ma non di modificare in maniera sostanziale la stima del fair value di 172 dollari e il Moat rating pari a Medio”, Allen Good (report aggiornato al 27 ottobre 2023). 

PLC Shell (SHEL)

“Gli utili di Shell nel terzo trimestre sono scesi a 6,2 miliardi di dollari, rispetto ai 9,5 miliardi dell'anno precedente, in linea con le aspettative del mercato. Durante il trimestre, Shell ha restituito 4,9 miliardi di dollari agli azionisti tramite dividendi e riacquisti di azioni proprie, concludendo il suo ultimo programma di buy-back da 3 miliardi annunciato con la presentazione dei risultati del secondo trimestre. Nel complesso, la società restituirà agli azionisti circa 23 miliardi di dollari nel 2023.

La nostra stima del fair value è rimasta invariata e le azioni sono scambiate in linea con le nostre valutazioni. Nonostante questo, Shell rimane la nostra migliore idea di investimento tra i titoli energetici europei”, Allen Good (report aggiornato al 2 novembre 2023).

TotalEnergies (TTE)

“L’utile netto del terzo trimestre di TotalEnergies è sceso a 6,5 miliardi di dollari, dai 9,9 miliardi del terzo trimestre del 2022. La nostra stima del fair value è rimasta invariata dopo l'aggiornamento della strategia di Total di un mese fa, quando il management ha ribadito il suo piano di sviluppo e ha aumentato gli obiettivi relativi alla remunerazione degli azionisti.

Sebbene le azioni siano scambiate in linea con la nostra valutazione, continuiamo a considerare Total come una delle opzioni più interessanti tra i petroliferi integrati, considerata la sua strategia prudente e la qualità del team di gestione.

Durante il trimestre, Total ha riacquistato 2,1 miliardi di dollari di azioni proprie ed è sulla buona strada per acquistarne ancora per un importo di 9 miliardi sull’intero anno. Se consideriamo il piano di buy-back e la distribuzione dei dividendi, l’azienda ha restituito agli azionisti oltre il 40% dei flussi di cassa generati. Il dato più alto tra i suoi competitor europei”, Allen Good (report aggiornato al 26 ottobre 2023). 

ConocoPhillips (COP)

“Gli utili di ConocoPhillips sono scesi a 2,6 miliardi di dollari nel terzo trimestre, rispetto ai 4,6 miliardi dell’anno precedente. Nonostante il recente calo, i profitti rimangono robusti e permettono di sostenere il piano di remunerazione degli azionisti. Durante il trimestre, Conoco ha restituito agli azionisti 2,6 miliardi di dollari. La società ha inoltre aumentato il suo dividendo del 14%, a 0,58 dollari per azione, forte degli ottimi risultati e delle favorevoli prospettive future.

Durante il terzo trimestre, Conoco ha acquistato il restante 50% di Surmont, un sito canadese di sabbie bituminose, per 2,7 miliardi di dollari.

Abbiamo in programma di incorporare gli effetti di questa operazione e i risultati recenti dell’azienda nel nostro modello di previsione, ma non ci aspettiamo che questo impatti sulla stima del fair value di 98 dollari. A nostro avviso, il titolo ConocoPhillips è sopravvalutato dal mercato, ipotizzando un prezzo del petrolio di 60 dollari al barile per i prossimi due anni”, Allen Good (report aggiornato al 3 novembre 2023).

BPPLC (BP.)

“Gli utili del terzo trimestre della BP sono stati più bassi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e inferiori alle aspettative del mercato. La società ha riacquistato azioni per 2 miliardi di dollari durante il trimestre e prevede di acquistarne 1,5 miliardi nel quarto. Nonostante il recente turnover del management, BP resta impegnata nella sua strategia di transizione dalle fonti fossili.

Le preoccupazioni relative ai rendimenti prodotti dai business legati alla transizione energetica hanno probabilmente pesato sulla valutazione di BP, ma noi manteniamo la nostra stima del fair value a quota 5,60 sterline”, Allen Good (report aggiornato al 31 ottobre 2023).

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
BP PLC485,30 GBX-0,78Rating
Chevron Corp156,90 USD-1,35Rating
ConocoPhillips115,25 USD-3,12Rating
Exxon Mobil Corp113,63 USD-1,07Rating
Shell PLC2.790,50 GBX-0,39Rating
TotalEnergies SE65,14 EUR-0,85

Info autore

Fernando Luque

Fernando Luque  es el Senior Financial Editor de www.morningstar.es

© Copyright 2024 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookie Settings        Disclosures