Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

DBRS Morningstar conferma il rating sull’Italia

Il rating resta BBB (High) con trend stabile. La diversificazione dell’approvvigionamento di gas e le aspettative che il nuovo governo non deragli da una politica di bilancio prudente controbilanciano i rischi di recessione dell’Italia.

Sara Silano 31/10/2022 | 10:05
Facebook Twitter LinkedIn

Italia-Colosseo-Roma

DBRS Morningstar ha confermato il rating sull’Italia a BBB (High), con trend stabile.

“Il trend stabile riflette l'opinione di DBRS Morningstar secondo cui i rischi per i rating sono bilanciati”, si legge nella nota del 28 ottobre 2022, curata da Carlo Capuano, senior vice president del team Global sovereign rating. “I progressi nella diversificazione dell'approvvigionamento di gas e le aspettative che il nuovo governo non si discosti in modo significativo da una politica di bilancio prudente compensano il deterioramento delle prospettive di crescita”.

L’Italia ha avuto una rapida ripresa economica post-pandemia, ma la sua dipendenza dalle importazioni di gas la rende vulnerabile agli alti prezzi dell'energia e alle minori forniture nei prossimi trimestri. Per questo, DBRS Morningstar non esclude una modesta recessione nel 2023, ma prevede che le implicazioni di lungo termine siano limitate.

“Il governo ha iniziato a fare progressi con gli investimenti pubblici e le riforme del Piano nazionale per la ripresa e la resilienza (PNRR), che mira ad aumentare il potenziale di crescita, sebbene alcune spese pianificate siano già state rinviate”, continua la nota. “Se avrà successo, il PNRR potrebbe aumentare quella che è stata una crescita economica storicamente debole”.

“I conti sono migliorati più del previsto e mantenere un orientamento di bilancio conservativo resta fondamentale per ridurre il rapporto debito/PIL dell’Italia. Questo dovrebbe continuare a scendere a circa il 145,4% quest'anno, il che rappresenterebbe un calo cumulativo di quasi dieci punti percentuali in due anni dal picco del 154,9% nel 2020”, conclude la nota di DBRS Morningstar.

Clicca qui per conoscere la metodologia di rating sul debito sovrano di DBRS Morningstar.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia