ETF, i migliori e i peggiori di maggio

Settore energetico, compreso il solare, e le banche italiane sono stati i vincitori del mese scorso. Prosegue il periodo nero di criptovalute e asset digitali. 

Valerio Baselli 06/06/2022 | 12:11
Facebook Twitter LinkedIn

ETF

Secondo i dati Morningstar, ad aprile, tra il miglior Exchange traded product (in termini di rendimento) e il peggiore ci sono circa 69 punti percentuali (prendendo in considerazione quelli registrati alla vendita in Italia ed escludendo i replicanti strutturati, cioè a leva o inversi).

Questi strumenti, essendo prodotti puramente passivi, riflettono nei loro movimenti l’evoluzione dei mercati, senza che la performance venga distorta dalle scelte (buone o cattive) di un gestore attivo.

I Top
La Top 15 di maggio dei fondi passivi quotati in Borsa, cioè gli Exchange traded products (ETP), vede al primo posto l’iShares Oil & Gas Exploration & Production UCITS ETF, replicante dell’indice S&P Commodity Producers Oil & Gas Exploration & Production, un paniere di 61 titoli tra le maggiori società quotate coinvolte nell'esplorazione e nella produzione di petrolio e gas in tutto il mondo. Segue a breve distanza l’Invesco Energy S&P US Select Sector UCITS ETF.

I prezzi del petrolio e del gasolio hanno continuato a salire anche a maggio, con i timori per l'approvvigionamento sempre al centro dell'attenzione, soprattutto dopo che i leader dell'Unione Europea hanno concordato di ridurre le importazioni di greggio russo fino al 90% entro la fine dell'anno. L'accordo è di principio e i dettagli devono ancora essere chiariti.

Il settore energetico è quindi ancora una volta assoluto protagonista della classifica relativa agli ETP più performanti del mese, nella quale c’è spazio anche per uno strumento esposto all’industria del fotovoltaico, il Global X Solar UCITS ETF. Il fondo traccia il Solactive Solar v2 Index, che conta 50 componenti e che è stato disegnato per dare esposizione alle principali aziende attive nell’energia solare. Lo scorso 18 maggio la Commissione europea ha presentato il pacchetto REPowerEU, relativo al risparmio energetico e alla diversificazione nell’approvvigionamento, oltre che all’accelerazione nella transizione verde. Tra le varie proposte c’è anche quella rendere obbligatori i pannelli fotovoltaici per tutti gli edifici pubblici e commerciali dal 2026 e dal 2030 per tutti gli edifici residenziali.

Bene, infine, l’indice dedicato alle banche italiane quotate a Piazza Affari, il FTSE Mib Banks, in rialzo di 11 punti percentuali nel mese di maggio. Se da un lato i tassi d’interesse più elevati dovrebbero portare a incrementi nei margini per gli istituti di credito, dall’altro l’ipotesi di una recessione a breve termine potrebbe mettere sotto pressione le prospettive di utili e il potenziale di distribuzione del capitale. Il comparto, comunque, è stato trainato in particolare da Unicredit, balzata quasi del 26% il mese scorso, sulla scia delle trattative preliminari per la vendita della sua controllata russa e soprattutto dell’avvio del programma di acquisto di azioni proprie da 1,6 miliardi di euro.

E i Flop
La classifica relativa ai replicanti che hanno perso di più nel mese di maggio vede solo strumenti esposti alla criptovalute oppure agli asset digitali e alla tecnologia Blockchain.

Il mese scorso, infatti, verrà ricordato per il crollo verticale del progetto Terra-Luna e della stablecoin connessa (TerraUSD), che ha poi trascinato al ribasso l’intero ecosistema delle cripto. Clicca qui per leggere cosa è successo agli ETP sulle criptovalute.

Sono anche episodi del genere che hanno spinto Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea, a dichiarare durante un’intervista del 21 maggio che “i cripto asset non valgono nulla, sono basati sul nulla, non c'è alcun asset sottostante che funga da ancora di sicurezza”, e che al contrario “quando avremo una valuta digitale di banca centrale, un euro digitale, garantisco che sarà molto diverso”.

Il timore – ha spiegato la presidente della Bce – è per la sicurezza dei risparmiatori che non hanno alcuna comprensione dei rischi, e possono perdere tutto. “Ecco perché credo che le criptovalute dovrebbero essere regolamentate”.

L’analisi è stata realizzata con la piattaforma per professionisti finanziari Morningstar Direct. Clicca qui per saperne di più sulle sue funzionalità.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.