28 azioni sottovalutate per il 2022

Anche grazie alla frenata dei mercati azionari globali, le opportunità per gli investitori non mancano. Ecco le migliori idee dei nostri analisti in ogni settore in Europa.

Valerio Baselli 15/02/2022 | 13:09
Facebook Twitter LinkedIn

Azioni  

Nonostante la pandemia in corso e l’aumento dell’inflazione, le azioni europee hanno concluso il 2021 con un impressionante rendimento del 25%, misurato dal Morningstar Europe NR Index. Le prese di profitto nelle prime settimane del 2022, tuttavia, hanno abbassato le valutazioni complessive. Gli analisti di Morningstar ritengono che le azioni del Vecchio continente siano ancora oggi leggermente sottovalutate: il titolo mediano nel nostro universo di copertura europeo viene scambiato con uno sconto dell’1% rispetto al fair value (valore equo) stimato (al 14 febbraio).

Le valutazioni differiscono in modo significativo da un'industria all’altra. Complessivamente, come osservato dal nostro ultimo barometro del mercato europeo, i titoli tecnologici, quelli dei servizi finanziari e gli immobiliari sono i più sottovalutati, mentre i titoli dei consumi discrezionali e di quelli difensivi sono i più sopravvalutati.

Qui sotto indichiamo i titoli attualmente più sottovalutati divisi per settore, in sostanza le migliori idee d’investimento dei nostri analisti azionari. Per conoscere come funziona il Morningstar Stock Rating, clicca qui.

Tecnologia
Riteniamo che il settore tecnologico europeo sia complessivamente sottovalutato, con il titolo mediano del nostro universo di copertura attualmente scambiato all’8% di sconto rispetto al valore intrinseco. Dopo essere stato uno dei protagonisti del periodo post-pandemia, il settore ha rifiatato in questa primissima parte dell’anno, con il Morningstar Developed Markets Europe Technology Index in calo del 16% da inizio anno (in euro, al 14 febbraio).

Azioni

Comunicazioni
Il settore dei servizi alla comunicazione è stato colpito da un’ondata di vendite nel quarto trimestre del 2021 e ha sottoperformato il mercato più ampio negli ultimi sei mesi, come misurato dalla differenza tra il Morningstar Communication Services Index (giù del 9,4%) e il Morningstar Europe Index (-2,7%). “Il mercato sembra aver perso la fiducia nelle opportunità di crescita di queste aziende mentre le tendenze alimentate dalla pandemia si moderano”, afferma Mike Hodel, direttore della ricerca azionaria sui servizi alla comunicazione per Morningstar. Secondo la nostra ricerca, il titolo mediano del settore è attualmente scambiato con uno sconto del 10% rispetto alla stima del fair value.

Azioni

Beni e Servizi di Consumo Discrezionali
I titoli di questo settore hanno goduto di un robusto quarto trimestre del 2021 e ora il titolo mediano dei beni di consumo ciclici nel nostro universo di copertura europeo è scambiato con uno sconto dell’1% rispetto alla nostra stima di fair value, suggerendo che il settore è abbastanza in linea. Tuttavia, quasi la metà dei titoli che copriamo presentano uno Stock Rating di 4 o 5 stelle. “Pensiamo che i comparti dei viaggi e del tempo libero siano maturi per gli investimenti, poiché non ci aspettiamo che l’aumento del numero di contagi di Covid-19 deprima in modo permanente il desiderio di viaggiare dei consumatori”, afferma Erin Lash, analista di Morningstar.

Azioni

Beni e Servizi di Largo Consumo
Pensiamo che il settore sia sopravvalutato – il titolo mediano nel nostro universo di copertura è scambiato a prezzi di circa il 5% superiori alla nostra stima di fair value – eppure non mancano aziende a 4 e 5 stelle.

Azioni

Energia
Anche se i titoli energetici hanno sovraperformato il mercato nel 2021, il settore è ancora leggermente sottovalutato secondo le nostre metriche, con uno sconto del 3% rispetto alla nostra stima del fair value.

David Meats, direttore della ricerca sull’energia e i servizi pubblici per Morningstar, ha recentemente spiegato che “l'offerta di petrolio rimane limitata in quanto l’OPEC continua a sottoperformare i suoi obiettivi dichiarati e i produttori statunitensi aderiscono agli impegni di disciplina del capitale. Di conseguenza, il rapporto offerta/domanda nel 2022 rimane in equilibrio, sostenendo i prezzi intorno ai livelli attuali”.

“Un'invasione russa dell’Ucraina potrebbe materialmente interrompere l’offerta globale di petrolio in diversi modi, ma questo non è un evento probabile, a nostro avviso”, aggiunge.

Azioni

Servizi Finanziari
L’anno scorso i titoli finanziari hanno battuto il mercato con un margine significativo. Tuttavia, il titolo mediano del settore finanziario è ora scambiato con uno sconto dell'8% rispetto alla sua stima del fair value. “I tassi d'interesse sono un driver chiave dei guadagni del settore finanziario", ricorda Michael Wong, direttore della ricerca azionaria di Morningstar, “e ci si aspetta che si muovano più in alto quest'anno”. In effetti, il tasso di disoccupazione e l'inflazione indicano un inasprimento della politica monetaria.

Azioni

Salute
I titoli del settore sanitario sono rimasti leggermente indietro rispetto al mercato europeo negli ultimi sei mesi (-5% contro -2,7%; in euro, al 14 febbraio). Attualmente, il titolo mediano del settore sanitario è scambiato con un premio del 7% rispetto alla sua stima del fair value.

“Nonostante l'incertezza sulla politica dei farmaci, le prospettive delle aziende biofarmaceutiche rimangono fondamentalmente robuste, con una bassa esposizione alla scadenza dei brevetti e diversi nuovi farmaci innovativi che stanno lanciando e guadagnando quote di mercato”, dice il direttore della ricerca Morningstar sul settore healthcare, Damien Conover.

Azioni

Beni Industriali
I titoli industriali europei sono sopravvalutati di un punto percentuale secondo la ricerca Morningstar. Attualmente, le interruzioni della catena di approvvigionamento e l'inflazione sono le maggiori minacce. Ci sono comunque dei titoli industriali sottovalutati. 

Azioni

Immobiliare
Il settore immobiliare è rimbalzato nel 2021, battendo leggermente il mercato. Tuttavia, in Europa, il titolo mediano del nostro universo di copertura immobiliare è scambiato con un considerevole sconto del 9% sul fair value. Tra i nomi coperti in Europa, ce n’è solo uno che è significativamente sottovalutato.

Azioni

Servizi di Pubblica Utilità
Le utility sono leggermente sopravvalutate (1%) rispetto al fair value. “Le utility iniziano il nuovo anno in una posizione forte, con bilanci solidi e piani di crescita aggressivi”, afferma lo strategist Travis Miller. “Inoltre, rimangono una delle poche opzioni interessanti per chi cerca un reddito periodico. Se i tassi più alti riusciranno ad allontanare l'inflazione, le utility dovrebbero continuare a produrre un rendimento totale del 7%-9% per gli investitori nel 2022 e oltre”, conclude.

Azioni

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.