Il Barometro del mercato Usa (ottobre 2021)

Tecnologici, telecom e consumer cyclical hanno permesso al segmento Large growth di primeggiare. Il settore energia si conferma il più conveniente, ma in media le stock americane sono scambiate a prezzi elevati.

Francesco Lavecchia 23/11/2021 | 08:54
Facebook Twitter LinkedIn

usa

Ottobre sorride al segmento Large cap, ma da inizio anno sono i titoli Mid e Small cap ad avere registrato le performance migliori sui listini Usa.

A ottobre le blue chip hanno fatto meglio di quelle a media e a bassa capitalizzazione di mercato, mentre lo stile growth ha battuto quello value e blend. Il best performer è stato il segmento Large growth, che ha guadagnato l’11,9% (in euro), seguito a breve distanza da quello Mid growth che si è fermato al 9%. Fanalino di coda sono state invece le azioni Small value che hanno registrato un rialzo di appena l’1,4%.

Come si può notare dai rendimenti a tre mesi del Barometro del mercato Usa (Figura 1), questa è stata la tendenza che ha interessato l’ultimo periodo, mentre da inizio anno i titoli Mid e Small cap hanno sovraperformato i Large cap in quasi tutti gli stili di investimento. 

Se concentriamo la nostra attenzione sul segmento di mercato che ha performato meglio a ottobre, rileviamo come la crescita delle azioni Large growth sia stata trainata dalla buona intonazione dei settori beni di consumo ciclici, tecnologia e servizi alla comunicazione, che pesano complessivamente per circa l’85% della capitalizzazione di mercato complessiva e cha nel periodo considerato sono stati quelli che hanno registrato i guadagni maggiori. In particolare, hanno inciso i rialzi di Microsoft, Alphabet, Nvidia e Tesla, rispettivamente pari al 17,8%, 10,9%, 23,6% e al 43,8%. Il comparto Small value è stato invece penalizzato dalla deludente performance del settore finanza, che conta per circa il 30% della sua capitalizzazione di mercato, e dalle forti perdite accusate da alcuni titoli di peso come Virgin Galactic Holdings (-25,7%).

Se il mese di ottobre è stato appannaggio dei titoli Large cap, la tendenza da inizio anno vede i segmenti Small e Mid cap avere la meglio. I best performer sono stati comunque i titoli Large growth, grazie a un rialzo del 49,3% sostenuto ancora una volta dai big della tecnologia. Nove dei primi 15 titoli per rendimento da inizio anno appartengono a questo comparto e tra questi spiccano i guadagni realizzati da Cloudflare (+171%), Fortinet (+139%), Blackstone (131%), Ambarella (113%) e Nvidia (103%).

 

Figura 1: Il Barometro del mercato Usa
barometro

Relativamente ai rendimenti settoriali, i consumer cyclical sono stati i migliori lo scorso mese (+12,4%) grazie soprattutto al risultato di Tesla, che è il secondo titolo per capitalizzazione di mercato all’interno del comparto alle spalle di Amazon, e ai rialzi di The Home Depot e Nike. Sono in doppio cifra ad ottobre anche i settori energetico (+10,2%) e tecnologico (+10,8%), mentre i più deludenti sono telecom e beni di consumo difensivi (entrambi a +4,8%). Il primo ha pagato le perdite accumulate da Meta Platforms (Facebook), Snap e Comcast, il secondo la cattiva intonazione di Altria e Monster Beverage. Da inizio anno, gli energetici risultano essere i migliori con un rendimento del 77%. A distanza seguono telecom e finanziari con guadagni rispettivamente pari a 51,6% e 45%.

 

Figura 2: I rendimenti per settore

barometro

 

Se guardiamo alle valutazioni di mercato è facile notare (Figura 3) come l’azionario Usa sia scambiato in media a un premio del 7% rispetto al fair value stimato dagli analisti Morningstar. Il segmento più costoso è quello Large blend, che a fine ottobre presentava un rapporto prezzo/fair value di 1,21, mentre quello Large value è l’unico a viaggiare in linea con le nostre stime. Relativamente alla capitalizzazione di mercato, le Small cap risultano essere in media più convenienti delle Mid cap. Tra i settori spiccano le valutazioni elevate dei titoli healthcare e tecnologici, tutti con un premio superiore al 15% rispetto al fair value. Gli energetici si confermano i più convenienti nonostante la forte risalita dei prezzi da inizio anno.

 

Figrua 3: Le valutazioni di mercato
barometro

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi gli articoli della categoria Settimane speciali

Clicca qui

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia