La pensione non è solo una questione di soldi

I tempi sono cambiati e gli investitori devono porsi delle domande importanti.

Ruth Saldanha 10/06/2021 | 10:34
Facebook Twitter LinkedIn

finanza personale

In passato la vita si divideva in tre fasi: studio, lavoro, pensione. Una persona media avrebbe lavorato per circa 35 anni e poi sarebbe andato in pensione. Negli ultimi anni, però, specie con la crescita della gig economy e l'aumento dell'aspettativa media di vita, soprattutto nei paesi sviluppati, quella non è più la realtà per molti lavoratori. 

David Blanchett, capo della ricerca sui temi pensionistici di Morningstar Investment Management, osserva che il concetto di pensione si è evoluto nel tempo e che ora per i consulenti finanziari essa significa davvero “aiutare un investitore a fare ciò che vuole quando smetterà di lavorare” e, aggiunge, “i consulenti farebbero bene a pensare a piani pensionistici che vadano al di là di investimenti, denaro e allocazione di risorse, ma si occupino in generale anche di stili di vita, salute e felicità”. 

Don Ezra, autore di libri sull’argomento pensioni, aggiunge: “In precedenza la vita era divisa in tre fasi, impara, guadagna e brucia. Ora, invece, è molto più sfumata. Se alla nascita sapessi di vivere fino a 100 anni, usciresti di casa a 20 anni e seguiresti lo stesso percorso che dovrebbe portarti alla pensione?”

Una gamma più ampia di possibilità implica la necessità, per i pensionati di oggi, di porsi tre domande chiave: 

• Chi sono?

• Come impiego il mio tempo?

• Sopravviverò ai miei soldi? 

Da un punto di vista finanziario, investire per la pensione può significare dare delle risposte alle prime due domande. Ma quanto denaro ti servirà durante il periodo della tua pensione dipende da diversi fattori e uno dei più importanti è sicuramente quando andrai in pensione.

Gli anni della pensione
La tendenza globale è verso l’innalzamento dell’età pensionistica. “I miei figli credono di lavorare fino a 70 anni”, dice Ezra. “Mi aspetto che le persone lavoreranno più a lungo, part-time o a tempo pieno, e che l’età pensionistica continui a salire”, dice Blanchett.

Vite più lunghe, pensione più duratura
Dato che le persone lavorano più a lungo, sono anche costrette a badare a loro stesse quando si tratta di risparmiare per la pensione e Blanchett sottolinea come il passaggio in molti paesi da un sistema a prestazione definita a uno a contribuzione definita possa creare dei problemi.

“I piani a contribuzione definita stanno funzionando e la ricerca mostra che i paesi che hanno questi piani fanno meglio, ma che dire di quelli che non seguono questa strada? Inoltre, quelli che risparmiano per la pensione, risparmiano abbastanza?” chiede Blanchett che sottolinea poi il fatto che gli investitori sono essenzialmente irrazionali e che i politici dovrebbero intervenire per salvarli da loro stessi.
Ad ogni modo, dove dovrebbero investire i pensionati? 

Pensionati e investimenti azionari
Il 77enne Ezra parla della sua condizione per evidenziare come le regole di ferro del passato non valgano più. “In base alla regola dei 100 anni, dovrei essere investito per il 25% in azioni, mentre ne ho quasi tre volte tanto”, dice l’autore. Il suo approccio, infatti, è tenere l’equivalente di cinque anni di spesa in strumenti finanziari molto liquidi e il resto del capitale investito in azioni. 

“Quando i mercati sono in calo, riduco le mie spese. Quando i tassi si abbassano, ricavo la componente reddito dai dividendi. Per la maggior parte delle persone, il reddito fisso offre protezione dalla volatilità. Io non ho bisogno di questo tipo di protezione”, aggiunge Ezra. 

“Se è vero che questa strategia può funzionare per qualcuno nella posizione di Ezra, per molti, se non per la maggior parte degli investitori, la sovraesposizione alle azioni potrebbe essere pericolosa”, avverte Blanchett.

“Le persone che cercano di recuperare il deficit di risparmio per la loro pensione attraverso le azioni potrebbero subire un brusco shock in caso di flessione del mercato. La ragione per cui le persone credono che le azioni abbiano questa bacchetta magica nel breve termine è legata ad aspettative di rendimento irrealistiche”, aggiunge Blanchett. 

Il problema dei rendimenti storici
Blanchett avverte che i consulenti che mostrano le previsioni delle performance attese per il futuro basati su rendimenti storici non stanno facendo bene il loro lavoro. Nonostante tutti i consulenti mettano in guardia sul fatto che le performance passate non equivalgono ai rendimenti futuri, queste simulazioni danno agli investitori un’idea irrealistica dei potenziali rendimenti.
Tutto si riduce a un consiglio. Ed è qui che i professionisti hanno l'opportunità di differenziarsi. 

Il valore della consulenza
“La maggior parte delle informazioni finanziarie si trovano online praticamente gratis e questo ha reso la consulenza strettamente finanziaria un servizio standardizzato. Il compito degli advisor è dunque quello di andare oltre”, afferma Blanchett. Quindi quanto dovremmo pagare i consulenti?
"Pensaci, quando vai da un avvocato o da un commercialista e chiedi quanto è la loro parcella, ti rispondono per caso 'Quanto hai?' Dovremmo allontanarci da retribuzione che si basano sul patrimonio gestito e preferire la combinazione di una tariffa oraria e una fee in base alle performance raggiunte.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi gli articoli della categoria Finanza Personale

Clicca qui

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Ruth Saldanha

Ruth Saldanha  è senior editor di Morningstar.ca

 
 

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies