Giornata internazionale della donna 2021

Per chiudere il divario di genere ci vorrà ancora un secolo se il ritmo del cambiamento rimarrà quello attuale. Il Covid-19 ha reso tutto più difficile. Ma qualche piccolo passo in avanti all’interno delle aziende comincia a vedersi.

Sara Silano 01/03/2021 | 09:07
Facebook Twitter LinkedIn

Giornata internazionale della donna 2021

Il tema della Giornata internazionale della donna 2021 è “Le donne in un mondo del lavoro in evoluzione: verso un pianeta 50-50 nel 2030”. Lo scopo è promuovere il raggiungimento dei traguardi fissati dall’Agenda 2030 delle Nazioni unite per lo sviluppo sostenibile. Il focus è sugli obiettivi numero 5 e 4. Il primo riguarda l’uguaglianza di genere e l’empowerment delle donne, un termine quest’ultimo che non è facilmente traducibile in italiano e “indica l’insieme di azioni e interventi per rafforzare il potere di scelta degli individui e aumentarne le responsabilità, migliorandone le competenze e le conoscenze” (fonte: Treccani). Il secondo goal (n. 4) è incentrato sull’accesso globale alla formazione di qualità e all’apprendimento continuo.

Rischio Covid-19
La pandemia di Covid-19 ha posto nuove sfide a governi e imprese per il raggiungimento di questi obiettivi. Secondo i dati Onu, solamente due terzi dei paesi nelle regioni più sviluppate hanno raggiunto la parità di genere nell’educazione primaria. Inoltre, la presenza femminile in posizioni lavorative al di fuori del settore agricolo è aumentata appena del 6% dal 1990 al 2015 e in soli 46 paesi nel mondo, alle donne è stato assegnato più del 30% dei seggi nei Parlamenti in almeno una delle camere. I progressi degli anni passati rischiano di essere cancellati dagli effetti del Coronavirus sulla vita quotidiana e l’economia.

Secondo le statistiche di UN Women, in Europa e Asia centrale, oltre il 15% delle donne ha perso il lavoro e un altro 41% ha visto ridursi lo stipendio tra aprile e giugno 2020. Il calo si è registrato anche in altre aree, incluso il nord America. Inoltre, la remunerazione femminile è il 77% di quella maschile a livello mondiale e al ritmo con cui il divario si sta chiudendo, non arriveremo alla parità prima del 2069 (dati International trade union confederation). Le donne ai vertici delle aziende sono ancora poche e difficilmente si potrà raggiungere l’equità prima della metà di questo secolo se le cose non cambiano.

100 anni di gender gap
Il rapporto Gender gap 2020 del World economic forum (Wef) rivela che ci vorranno quasi cento anni per chiudere il divario di genere e i tempi si allungano drasticamente se consideriamo la partecipazione alle attività economiche e le opportunità lavorative, perché nell’ultimo anno ci sono stati passi indietro. A livello globale, la parità di genere è al 68,6%, ma i dieci peggiori paesi nella classifica del Wef hanno chiuso solo il 40% del gap. L’Italia è 76° su 153 stati e ha perso sei posizioni tra il 2018 e il 2019.

Il divario di genere nelle diverse regioni del globo e gli anni necessari per chiuderlo

Il divario di genere nelle diverse regioni del mondo

Pil potenziale
Le disuguaglianze pesano sul sistema economico. Il McKinsey Global Institute ha stimato nel 2015 che il prodotto interno lordo globale potrebbe crescere di 12 mila miliardi di dollari entro il 2025 se aumentasse l’equità di genere. Inoltre, la maggior partecipazione femminile al lavoro negli Stati Uniti ha contribuito a 2 mila miliardi di dollari di Pil dal 1970, una somma che sarebbe stata più elevata con meno disparità.

Piccoli passi in avanti
Alcuni dati, però, sono incoraggianti. Nel Regno Unito, il 34,4% delle posizioni nei consigli di amministrazione (Cda) delle aziende che compongono l’indice Ftse 350 sono assegnate a donne, con un incremento del 50% in cinque anni. Nello stesso periodo si è azzerato il numero di board con soli uomini. Anche la presenza femminile in ruoli di leadership è cresciuta dal 24,5% del 2017 al 29,4% (dati Hampton-Alexander Review). Negli Stati Uniti, il 52% delle società del Russell 3000 index hanno il 20% o più di donne nei Cda (erano il 43% nel 2018), secondo il report 2020 Women on Boards Gender Diversity Index. In Italia, la legge Golfo-Mosca sulle quote rosa ha permesso di fare un passo in avanti. Il rapporto Cerved-Fondazione Marisa Bellisario 2020 rivela che la presenza femminile nei board delle imprese quotate è passata dal 5,9% del 2008 al 36,3% del 2019; ma sono solo 14 gli amministratori delegati-donne.

Inoltre, aumentano le richieste di trasparenza sulle politiche e strategie di genere nelle aziende sia da parte degli investitori, attraverso l’azionariato attivo e l’esercizio di voto nelle assemblee; sia da parte delle autorità regolamentari.

La settimana delle donne su Morningstar.it
Morningstar ha dedicato l’intera settimana ad analisi e approfondimenti su questi temi, con particolare riferimento alla situazione economica attuale, alle dinamiche nell’industria degli investimenti e nelle aziende.

Lunedì 1 marzo
Cosa succede se metti nero su bianco le disuguaglianze
Donne e Cda, la parità di genere è ancora lontana nelle banche europee

Martedì 2 marzo
Come investire nella parità di genere
Le aziende che promuovono l’equità di genere sono un buon investimento?

Mercoledì 3 marzo
Parità di genere e venture capital, qualcosa sta cambiando. Ma la pandemia per ora pesa
Consulenza finanziaria, la discriminazione può portare a cattivi consigli

Giovedì 4 marzo
La violenza può essere anche economica
Più Daves e Andrea che donne-gestori

Venerdì 5 marzo
Le aziende d’eccellenza gestite da donne
Donne manager in finanza, serve un cambio di passo

Lunedì 8 marzo
Le migliori pratiche globali sulla diversità di genere nell’industria dei fondi
Diversità e inclusione nelle SGR italiane: i riferimenti normativi

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Vai alla sezione dedicata agli investimenti sostenibili.

Clicca qui.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia