Quando il gioco si fa duro, smetti di seguire il mercato

La volatilità delle Borse spesso spinge gli investitori a controllare frequentemente l’andamento del portafoglio. Il rischio è quello di volerlo rimettere in carreggiata se sta andando male. Ma può rivelarsi una scelta costosa.

Marco Caprotti 18/06/2020 | 09:07

Ragionare nel lungo periodo, non guardare tutti i giorni gli andamenti dei mercati, non controllare quotidianamente i propri investimenti. Sono alcuni dei sistemi che da anni gli esperti di finanza e scienze comportamentali suggeriscono quando le situazione sui listini diventa particolarmente difficile. “In opere come Thinking, Fast and Slow, il premio Nobel all’economia Daniel Kahneman ha condensato decenni di lavoro che ha svolto per capire meglio il modo in cui pensiamo”, spiega Ben Johnson, direttore globale della ricerca ETF di Morningstar. “Nelle situazioni difficili dei mercati è importante sapere come siamo condizionati a rispondere alle diverse situazioni e i trucchi che ci possono evitare di soccombere ai nostri istinti”.

Lungo periodo
Uno è quello di ragionare nel lungo periodo, ricordano ad esempio che, in ampi spazi temporali, le azioni hanno fatto meglio dei bond. “Secondo i dati elaborati da Ibbotson SBBI, un dollaro investito nelle large cap Usa nel 1926 avrebbe portato a un guadagno di 7.353 dollari alla fine del 2017”, dice Johnson. “Se lo stesso dollaro fosse stato investito in treasury il guadagno sarebbe stato di 21 dollari”.

Avere in mente questo quadro, tuttavia, potrebbe non essere sufficiente per tranquillizzare investitori che, magari, si stanno ancora leccando le ferite dopo la crisi finanziaria del 2007-2009. “La reazione di molti investitori ai ribassi dei mercati è viscerale”, dice Johnson. “La memoria di eventi che li hanno spaventati può avere un effetto duraturo sulla loro volontà di prendere dei rischi”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi gli altri articoli della Settimana Speciale sulla Finanza comportamentale

Clicca qui

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies