Nuova Mifid II, la direzione è quella giusta

Massimo Scolari, presidente di Ascofind, promuove gli interventi di Esma e Consob che anticipano la revisione di Mifid II. La trasparenza dei costi resta il nodo centrale e in Italia occorre un cambio di passo. La consulenza indipendente, dice, ha tutte le carte in regola per farsi spazio nel nostro paese.

Valerio Baselli 22/05/2020 | 08:49
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

A poco più di due anni dalla sua entrata in vigore, dopo un percorso piuttosto tortuoso, la normativa Mifid II è attualmente in revisione. Come gestire la questione relativa alle retrocessioni? L’attività di vendita e quella di consulenza sono sufficientemente delineate? Come migliorare la rendicontazione degli oneri a carico degli investitori? E quale futuro attende la consulenza indipendente in Italia?

Ne abbiamo parlato con Massimo Scolari, presidente di Ascofind, l’Associazione per la Consulenza Finanziaria Indipendente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.