Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Virus, rischi climatici e scelte di portafoglio

Nel primo trimestre 2020, l’89% degli indici Morningstar costruiti con criteri sostenibili ha contenuto le perdite più dei benchmark tradizionali. E tra i panieri low carbon la percentuale sale al 100%.

Sara Silano 22/04/2020 | 08:40
Facebook Twitter LinkedIn

Le malattie infettive sono al decimo posto nei rischi con maggiore impatto sul pianeta della classifica del Global risk report 2020 del World economic forum, un rapporto basato sulle risposte a un sondaggio da parte di oltre 750 esperti e decision maker globali. E’ probabile che risalgano la classifica nell’edizione del prossimo anno. Quello che è certo, invece, è che i pericoli legati al clima (eventi atmosferici estremi, disastri naturali, perdita della biodiversità, ecc.) rimangono nelle prime posizioni da diverso tempo in termini di probabilità con un’ottica decennale.

Per le aziende e gli investitori sono rischi che non si possono ignorare. E in molti hanno già cominciato a domandarsi quale possa essere l’impatto sulla propria attività o sulle proprie scelte di portafoglio. Qualcuno è più avanti nel cercare di mitigare tali rischi; altri sono più indietro. La differenza si è vista nel primo trimestre quando gli ordini di vendita hanno inondato le Borse di tutto il mondo.

Gli indici Morningstar sostenibili nel primo trimestre
Morningstar ha calcolato che l’89% dei suoi indici costruiti tenendo in considerazione i fattori ESG (ambientali, sociali e di governance) si è comportato meglio dei corrispondenti benchmark tradizionali a capitalizzazione nel primo trimestre. In termini assoluti, sono 51 su 57. Ad esempio, il Morningstar global markets ha perso il 20,43% in euro contro il -18,45% di quello sostenibile. Il paniere Morningstar Europe large-mid cap è sceso del 23,34% a confronto con il -21 del “cugino” costruito con criteri ESG. Infine, a Wall Street, le perdite sono state rispettivamente del 18% e del 16,82% (sempre in euro).

Confronto tra indici Morningstar ESG e tradizionali

“I margini di sovraperformance aumentano per gli indici sostenibili con meno vincoli in termini settoriali e regionali rispetto ai corrispondenti benchmark tradizionali”, spiega Dan Lefkovitz, strategist di Morningstar sugli indici. Ad esempio, il Global market sustainability leaders, che applica criteri ESG più stringenti, è sceso nel trimestre del 15,18%”.

Meglio il low carbon
I dati sugli indici Morningstar low carbon, che permettono di avere un’esposizione alle aziende più pronte alla transizione climatica e meno esposte ai rischi legati alle emissioni di CO2 e alle fonti fossili, sono schiaccianti. Tutti e dieci hanno ottenuto rendimenti migliori del mercato nel periodo considerato. Lo stesso si può dire sugli indici Sustainable environment, il cui paniere è composto da aziende che adottano determinati standard su tematiche come la gestione dei rifiuti, l’impiego dell’acqua e la riduzione dell’inquinamento. Ad esempio, il Morningstar global markets low carbon risk index ha perso il 19,04%, quello globale ambientale ha segnato -17,91%.

Solo fortuna?
“C’è la tentazione di attribuire la miglior performance degli indici ESG nel primo trimestre 2020 a scelte settoriali fortunate”, spiega Lefkovitz. “Ad esempio, il comparto energetico, che è in forte sottopeso in questi panieri, è stato il peggiore nel periodo a causa della guerra sui prezzi del petrolio e della domanda in calo. Ma questa industria è una piccola porzione del valore complessivo del mercato azionario. Inoltre, le nostre analisi mostrano che, seppur tale posizionamento abbia aiutato, la resilienza degli indici sostenibili è dovuta soprattutto alla selezione dei singoli titoli. La chiave di lettura è la relazione tra solidi punteggi ESG e caratteristiche finanziarie come qualità e solidità dei bilanci”.

I risultati degli indici sostenibili nel primo trimestre confermano, dunque, quanto già emerso in precedenti analisi Morningstar su orizzonti temporali più estesi.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi tutti gli articoli della Guida finanziaria alla Giornata mondiale della terra

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia