I fondi per combattere il cambiamento climatico

Sono oltre 400 in Europa, con circa 60 miliardi di euro di patrimonio. La maggior parte rispetta le promesse per una transizione verso un’economia pulita.

Sara Silano 21/04/2020 | 09:14
Facebook Twitter LinkedIn

In Europa ci sono 405 fondi comuni ed Exchange traded fund (Etf) che hanno una politica di investimento legata alle questioni climatiche, per un patrimonio di circa 60 miliardi di euro (al 31 marzo 2020). A dirlo è un report di Morningstar dal titolo Investing in Times of Climate Change, curato da Hortense Bioy e Elisabeth Stuart, rispettivamente direttore della ricerca su sostenibilità e strategie passive ed analista di Morningstar.

Numero e patrimonio dei fondi climatici per tipologia

Numero e patrimonio dei fondi climatici

Tipologie di fondi climatici
Si tratta di strumenti che cercano di evitare il rischio climatico o promuovere la transizione verso un’economia più rispettosa dell’ambiente. Morningstar ha identificato sei tipologie: low carbon, esclusione di fonti fossili, attenti all’ambiente, con focus sulle soluzioni per l’ambiente, green bond e energie/tecnologie pulite. Sotto queste etichette ci sono approcci ampi e differenziati in termini di obiettivi di investimento e climatici. Ad esempio, le strategie che mirano a ridurre al minimo l’esposizione alle emissioni inquinanti o ad escludere le fonti fossili possono rispondere all’esigenza di chi vuole un basso rischio climatico o desidera de-carbonizzare il proprio portafoglio; mentre i fondi specializzati su energie e tecnologie verdi e altre soluzioni per l’ambiente permettono di trarre vantaggio dalle opportunità che nascono dalla transizione verso un’economia green.

Offerta in crescita
In 196 casi esaminati, il nome del fondo contiene il riferimento al clima. Negli altri si trova nei documenti informativi e nella descrizione della strategia di investimento. Negli ultimi due anni, c’è stato un aumento del lancio di strumenti di questo tipo in Europa: 76 nel 2019 e 67 nel 2018. La maggior parte rientra nelle tipologie low carbon e di esclusione delle fonti fossili.

Lanci di fondi climatici in Europa dal 2010 al 2019

Lanci di nuovi fondi climatici nel decennio

La maggior sensibilità degli investitori verso queste tematiche si è vista nell’aumento dei flussi l’anno scorso. Morningstar ha stimato che siano stati di circa 12 miliardi di euro nei soli fondi che hanno un chiaro riferimento al clima nel nome, con preferenza per le strategie sui green bond e su Climate solution. “Ci aspettiamo che il trend continui”, commenta Bioy. “A supportarlo ci saranno anche gli sviluppi del Piano europeo per la finanza sostenibile”.

Rispetto del mandato
Molti fondi sono relativamente giovani, ma in generale come si comportano rispetto a quanto promettono? I ricercatori di Morningstar li hanno sottoposti a una serie di test utilizzando metriche proprietarie come il Carbon intensity, il Carbon risk e l’esposizione a fonti fossili (per approfondimenti su questi indicatori, clicca qui). Come termine di paragone è stato utilizzato l’indice Morningstar global target market exposure, rappresentativo dell’85% della capitalizzazione di mercato delle aree sviluppate ed emergenti.

Lo studio mostra che nel complesso questi fondi rispettano il loro mandato. Ad esempio, quelli low carbon hanno portafogli a bassa intensità di carbonio, mentre i comparti con focus sulle imprese per la transizione verso un’economia più sostenibile e sulle energie pulite hanno effettivamente alti punteggi su questo fronte. “Non mancano tuttavia le sorprese”, dicono i ricercatori. “Ad esempio, solo il 40% dei comparti che dichiarano di escludere le fonti fossili sono al 100% fossil free. Questo è dovuto alle tante definizioni in materia”. L’analisi rivela anche che alcuni strumenti Carbon solution e clean energy/tech, in realtà, hanno un rischio legato al carbonio alto. Bisogna poi mettere in conto che ci sono alcune industrie, in settori come i servizi di pubblica utilità o l’energia, che hanno ancora un alto Carbon intensity, perché sono in una fase di transizione verso un sistema green e spesso sono solo all’inizio.

Carbon risk dei fondi climatici rispetto al benchmark Morningstar

Carbon risk dei fondi climatici rispetto al benchmark Morningstar

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi tutti gli articoli della Guida finanziaria alla Giornata mondiale della terra

Clicca qui.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia