Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Speciale pensioni: dai conti pubblici alla busta arancione, passando per la previdenza complementare

Guarda i video realizzati alla presentazione del settimo Rapporto sul bilancio del sistema previdenziale italiano a cura del Centro studi e ricerche Itinerari Previdenziali.

Valerio Baselli 13/02/2020 | 00:30
Facebook Twitter LinkedIn

Lo scorso 12 febbraio è stato presentato a Roma il settimo Rapporto sul bilancio del sistema previdenziale italiano a cura del Centro studi e ricerche Itinerari Previdenziali.

Morningstar era presente e ha interrogato Alberto Brambilla (presidente di Itinerari Previdenziali) e Gianni Geroldi (ordinario di Economia all’Università di Parma e membro del Comitato tecnico scientifico Itinerari Previdenziali) su vari aspetti riguardo la previdenza. Ecco qui sotto i cinque video.

Bilancio pensioni, il vero problema è l’assistenza
Urgono regole più stringenti sulle prestazioni di tipo assistenziale, spiega Alberto Brambilla (Itinierari Previdenziali), a partire da una semplice banca dati. Quota 100 e Reddito di cittadinanza pesano sui conti e non vanno nella direzione giusta.

Solo la fiscalità può rilanciare la previdenza complementare
Un’aliquota preferenziale (magari comparabile al 12,5% attualmente riservata ai Titoli di Stato) sarebbe la misura più efficace, secondo il professor Gianni Geroldi. Detto questo, è primordiale che gli stipendi dei giovani lavoratori crescano per dare davvero la possibilità di risparmiare.

I falsi miti sulle pensioni
In Italia, su 16 milioni di pensionati ce ne sono la metà totalmente o parzialmente assistiti. Occorre quindi separare previdenza da assistenza. Il gender gap esiste, ma eliminando le erogazioni ai superstiti (in pratica le pensioni di reversibilità) e gli aiuti assistenziali si riduce di molto. 

La busta arancione? “Inutile”
Il professor Gianni Geroldi si dice “scettico” sulla reale utilità della comunicazione contenente la proiezione della pensione futura per i giovani, anche tenuto conto della natura del mondo del lavoro attuale. Potrebbe invece avere senso dai 55 anni in su.

Giovani, pagate i contributi e aderite a un fondo pensione
Alberto Brambilla, presidente di Itinerari Previdenziali, spiega cosa dovrebbe fare un giovane lavoratore per preparare al meglio la propria pensione.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.