Costi dei fondi, perché inventare nomi fantasiosi, quando si può essere trasparenti?

In Italia, i risparmiatori pagano ancora troppo e l’informativa da parte degli intermediari è spesso lacunosa, nonostante Mifid II. Eppure, la chiarezza può trasformarsi in opportunità. Ecco come.

Sara Silano 14/11/2019 | 00:37

Costi dei fondi e trasparenza

L’acquazzone che si è abbattuto sulla Morningstar investment conference (MIC) lo scorso 6 novembre potrebbe non essere stato solo meteorologico. L’industria degli investimenti avrà nei prossimi anni più venti contrari che favorevoli, per dirla con le parole di Greggory Warren, Sector strategist di Morningstar e grande conoscitore dei principali asset manager globali, primi fra tutti BlackRock e Vanguard. E se pensiamo che siano i soliti discorsi sui massimi sistemi e che l'Italia sia al riparo perché in fondo neanche Mifid II è riuscita a portare un’adeguata trasparenza sui costi dei prodotti finanziari o a far decollare modelli di consulenza indipendente come in altri paesi europei oppure ancora perché la cultura dei risparmiatori è bassa, forse dovremmo cominciare ad aprire gli occhi.

I costi nascosti
L’Italia è all’ultimo posto tra i principali mercati mondiali per l’esperienza degli investitori in fondi, con riferimento alle pratiche commissionali. E’ addirittura peggiorata rispetto a due anni fa, secondo il rapporto Global investor experience, mentre l’India, che condivideva un giudizio scarso, è migliorata, grazie a una normativa favorevole ai risparmiatori, che prevede, tra l’altro, il divieto di fee di sottoscrizione e un tetto agli oneri a carico dei sottoscrittori. Come ha detto Davide Pelusi, amministratore delegato di Morningstar per il sud Europa in apertura della MIC, occorre che “venga posta maggiore attenzione al tema dei ‘costi nascosti’, perché anche se le commissioni per le gestioni patrimoniali stanno diminuendo, la spesa totale per gli investitori finali resta ostinatamente alta, poiché resistono voci poco conosciute talvolta inserite in categorie fantasiose come, ad esempio, le cosiddette ‘commissioni di piattaforma’”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies