I dividendi delle banche europee sono una trappola?

Morningstar valuta gli istituti di credito della regione coperti dalla sua analisi in base alla sostenibilità della loro cedola. Promosse UBS, Lloyds e Svenska. Bocciate Société Générale, Commerzbank, Intesa Sanpaolo e Natixis.

Francesco Lavecchia 12/11/2019 | 11:38
Facebook Twitter LinkedIn

Quanto sono sostenibili gli yield delle banche europee? Il rendimento da dividendo offerto dai titoli degli istituti di credito del Vecchio continente è mediamente del 5,4%, superiore a quello del settore a livello globale (4,3%) e anche più alto del mercato azionario europeo nel suo complesso (3,8%). Il rischio, per gli investitori, è quello di cadere in una trappola di valore e di ritrovarsi alla fine senza dividendo e con una perdita in conto capitale. Come fare dunque a orientarsi verso una cedola che sia sostenibile nel tempo?

Per rispondere a questa domanda gli analisti di Morningstar hanno sviluppato un punteggio basato su 5 parametri: profittabilità del business, livello di indebitamento, crescita degli utili, payout ratio e lo spread dei credit default swap del paese di appartenenza.

Come valutare lo yield delle banche
Profittabilità: la redditività del business è il principale indicatore della sostenibilità della cedola poiché esprime la capacità dell’azienda di generare una liquidità sufficiente a finanziare lo stacco del dividendo. Per questo motivo viene presa in considerazione la media del ROE (Return of equity) degli ultimi tre anni e il ROE medio atteso nei prossimi tre.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Commerzbank AG6,17 EUR-0,31Rating
Intesa Sanpaolo2,32 EUR-1,11Rating
Lloyds Banking Group PLC47,00 GBX0,50Rating
Mediobanca SpA9,90 EUR-0,18Rating
Natixis SA4,00 EUR0,00Rating
Societe Generale SA24,66 EUR0,37Rating
Svenska Handelsbanken A96,74 SEK0,21Rating
UBS Group AG14,22 CHF0,07Rating
UniCredit SpA10,09 EUR-0,16Rating

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies