Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Educazione finanziaria, in Italia profondo gender gap

Claudia Segre (Global Thinking Foundation) spiega che nel nostro paese è nel differenziale di genere dove è più evidente la carenza di competenze finanziarie, il che è legato anche ai bassi livelli di inclusione sociale e nel mercato del lavoro delle donne.

Valerio Baselli 25/10/2019 | 09:14
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

Valerio Baselli: Buongiorno e benvenuti. Sono Valerio Baselli e oggi ho il piacere di trovarmi in compagnia di Claudia Segre, presidente della Global Thinking Foundation. Grazie di essere qui.

Claudia Segre: Grazie a te.

Baselli: La vostra fondazione si occupa di alfabetizzazione finanziaria, con un focus particolare verso il mondo femminile. Come giudicate il livello di educazione finanziaria in Italia rispetto agli altri paesi, in particolare quello delle donne?

Segre: Se andiamo a guardare le classifiche Ocse, è chiaro che l’Italia è un po’ il fanalino di coda, anche se abbiamo guadagnato posizioni, soprattutto nell’ambito dei Millennials, per quello che è stato fatto negli ultimi due anni. Ma purtroppo è proprio nella differenza di genere tra uomini e donne che è più evidente questa carenza di competenze che permane da Nord a Sud indifferentemente.

Baselli: Concretamente, quali sono i passi più importanti da compiere per invertire la rotta?

Segre: Bisogna lavorare sull’educazione, sull’affiancamento, non solo sull’educazione finanziaria, ma anche sulla parte delle competenze digitali, di soft skill, perché è cambiato il mondo del lavoro, è cambiato il contesto sociale e socio-economico in cui ci si muove e ancora i livelli di inclusione sociale e finanziaria in Italia per le donne sono bassi, basti vedere il livello di occupazione femminile che sta ben al di sotto del 50%.

Baselli: In tutto questo, quale ruolo potrebbe e dovrebbe ricoprire la scuola? Per esempio, avrebbe senso secondo lei introdurre all’interno dei programmi dei corsi di finanza personale nelle scuole medie e superiori?

Segre: Non solo ha senso, ma deve essere fatto. Abbiamo visto in diverse attività che sono state fatte, anche col progetto Immaginiamo sostenibile, che tra i ragazzi c’è una grande richiesta sui temi economici e finanziari anche come scopo di condivisione sul valore del denaro all’interno delle famiglie.

Baselli: Grazie ancora a Claudia Segre.

Segre: Grazie.

Baselli: Per Morningstar, Valerio Baselli, grazie per l’attenzione.

Leggi tutti gli articoli della Settimana Speciale dedicata all’educazione finanziaria.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.