Il Barometro di Wall Street

I guadagni a giugno hanno riguardato tutti i settori e i segmenti di capitalizzazione. Le valutazioni di mercato restano mediamente alte. I titoli energetici sono quelli scambiati ai tassi di sconto più elevati.

Francesco Lavecchia 16/07/2019 | 08:36

Wall Street chiude il mese di giugno facendo il pieno di guadagni. I rialzi sui listini di New York hanno riguardato tutti i segmenti di capitalizzazione e tutti i settori, ma questo ha reso ancora più costosi i corsi azionari.

Figura 1
barometro usa, rendimenti azioni, wall street
I titoli Small Growth, comunque, sono stati quelli che hanno realizzato la performance migliore salendo a +8,4% (in dollari), grazie soprattutto all’exploit di alcune piccole società del settore healthcare come Sarepta Therapeutics e Array BioPharma che hanno guadagnato rispettivamente il 33% e il 75%. Dal confronto tra titoli Large e Small e tra Value e Growth ne escono vincitori i secondi, ma solo su intervalli di tempo medio/lunghi. Guardando ai rendimenti degli ultimi tre anni, infatti, il divario è molto netto, mentre se si prendono in considerazione gli ultimi 12 mesi i risultati sono più contrastati.

Materie prime ed energia guidano i rialzi 
Relativamente ai settori economici, il mese di giugno ha premiato in particolar modo le stock dei comparti materie prime ed energia che hanno beneficiato dei forti rialzi registrati dalle commodity: dai metalli industriali a quelli preziosi, dal greggio al gas naturale. Tra i titoli che hanno performato meglio tra i basic materials ci sono Linde (+11,2%) e Air Products & Chemicals (+11,7%), entrambe attive nell’industria chimica. Tra gli energetici, che nell’ultimo mese hanno realizzato complessivamente un guadagno del 9,1%, si sono distinti Exxon Mobil (+8,2%) e Chevron (+9,3%). In generale i settori maggiormente legati al ciclo economico hanno fatto meglio dei difensivi, anche se a realizzare la performance più bassa è stato quello immobiliare (+2,4%).

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar