Meno estero nei portafogli delle famiglie italiane

Secondo Banca d’Italia, l’ammontare di investimenti oltreconfine si è più che dimezzato rispetto alla media del quadriennio. E un’analisi su dati Morningstar rivela che il 75% è concentrato in 10 paesi, con gli Stati Uniti in testa.

Sara Silano 31/05/2019 | 16:23

Lo scorso 31 maggio avevamo anticipato alcuni dati dello studio di Banca d'Italia dal titolo Households’ investments in foreign mutual funds made transparent - Questioni di economia e finanza, curato da Massimo Coletta e Raffaele Santioni. L'analisi completa è ora disponibile nella sezione Pubblicazioni dell'istituto centrale. Riproponiamo di seguito l'articolo, mentre nelle prossime settimane pubblicheremo ulteriori approfondimenti.

Qualcosa è cambiato nel portafoglio delle famiglie italiane nel 2018. Non solo per il calo delle attività finanziarie, che è stato più pronunciato rispetto al resto dell’area euro (-4,4%, pari a oltre 190 miliardi, secondo i dati di Banca d’Italia), ma anche per l’esposizione all’estero. Secondo i dati contenuti nella Relazione annuale del governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, presentata oggi, 31 maggio, l’ammontare si è più che dimezzato rispetto alla media del quadriennio precedente, fermandosi a 46 miliardi di euro.

Le ragioni, si legge, sono state “la progressiva riduzione del programma ampliato di acquisto di attività finanziarie dell’Eurosistema (Expanded Asset Purchase Programme, APP) e il rallentamento dei rimborsi netti di obbligazioni bancarie retail (dovuto al minore ammontare di titoli giunti a scadenza). Nell’ultima parte del 2018, inoltre, la diminuzione è stata accentuata dal rialzo dei rendimenti sui titoli italiani.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar