Sull’Europa pesano anche i numeri macro

La regione sta attraversando una fase di debolezza dovuta ad alcuni rischi e alle revisioni al ribasso delle previsioni economiche. Le quotazioni però, dicono da MIM, non sono ancora interesanti. Opportunità, aggiungono, ci sono fra i telefonici.  

Marco Caprotti 16/05/2019 | 09:49
Facebook Twitter LinkedIn

L’Europa sembra aver perso lo smalto che aveva ritrovato con l’arrivo del 2019. L’indice Morningstar della regione in un mese (fino al 14 maggio e calcolato in euro) ha lasciato sul terreno il 3,3%, portando a +11% la performance da inizio anno (-10% l’andamento del 2018).

Indice Morningstar Europe
grafico europe

Dati in euro aggiornati al 14 maggio 2019
Fonte: Morningstar Direct

Per quanto riguarda le categorie Morningstar nei gruppi dedicati ai fondi che investono nelle large cap, il segmento riservato agli strumenti blend ha segnato -2,5%, quello riservato ai growth, ha perso l’1,6% e quello destinato ai value ha lasciato per strada il 3,6%. I prodotti che investono sulle medium cap hanno segnato -2,5%, mentre quelli orientati sulle small cap hanno registrato -1,4%.

Sulla performance delle ultime settimane hanno influito anche le proiezioni della Commissione Ue, secondo cui sulla regione “continuano a pesare le incertezze globali” con il “recente rallentamento della crescita e del commercio” mondiale. Da qui le previsioni economiche di primavera che hanno rivisto al ribasso il Pil dell'Eurozona: all’1,2% per il 2019 dall’1,3% delle stime di febbraio e all’1,5% per l’Ue dal precedente 1,6%.

“L’azionario europeo, alla fine del 2018 ha seguito la fase di ribassi che ha coinvolto gli altri mercati sviluppati”, spiega Tanguy De Lauzon  Head of Capital Markets & Asset Allocation, Europe, Middle-East & Africa di Morningstar Investment Management. “Colpa dell’insieme formato dai rischi di Brexit, dall’atteggiamento meno accomodante della Banca centrale europea e dalle incertezze politiche della regione. Tuttavia, con l’arrivo dell’anno nuovo ha potuto godere di una fase di ripresa. Nonostante la recente volatilità le quotazioni restano però troppo alte. I rendimenti che si potrebbero ottenere sarebbero risicati”.

Opportunità nelle Tlc
Questo non significa che nella regione non ci siano opportunità interessanti. “Un segmento da seguire è quello delle telecomunicazioni”, spiega De Lauzon. “Ha attraversato un periodo di debolezza dovuto alle preoccupazioni sull’andamento dei profitti, alla trasformazione dei modelli di business e alla possibilità di una regolamentazione più stringente. Nonostante tutto, crediamo che le valutazioni attuali diano una possibilità di rendimento adeguata in relazione ai rischi e che gli investitori abbiano delle stime eccessivamente pessimistiche sul comparto”.

Nella tabella in basso sono elencati i fondi della categoria Morningstar Europe Large Cap value (quella dove sono più presenti i titoli Tlc) che hanno la maggiore esposizione netta all’equity delle società telefoniche.

tabella TLC

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.