Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Rischio Turchia per le banche europee?

Johann Scholtz, analista azionario di Morningstar, spiega quali ripercussioni potranno esserci sui bilanci degli istituti di credito maggiormente esposti al paese.

Johann Scholtz 10/10/2018 | 15:04
Facebook Twitter LinkedIn

 

L’economia turca si appresta ad attraversare un periodo di forte ristrutturazione nel quale cercherà di ridurre la propria dipendenza dai finanziamenti in valuta estera che ormai dura da decenni. Questo avrà un impatto molto negativo sulla profittabilità delle banche del paese le quali saranno costrette ad aumentare gli accantonamenti per perdite future e dovranno farlo in un contesto macroeconomico particolarmente debole.

L’istituto di credito con la più alta esposizione alla Turchia, tra quelli europei, è BBVA che ricava circa il 14% dei suoi utili da attività presenti in questo Paese, seguito da Unicredit con il 10%, ING con il 5% e BNP con il 2%. Almeno per ora, ci aspettiamo che il peggioramento del quadro macro si traduca, per queste banche, in una contrazione dei profitti derivanti dagli asset domiciliati in Turchia e che dunque non ci sia bisogno di interventi di ricapitalizzazione delle loro sussidiarie. 

Gli istituti di credito turchi saranno costretti ad aumentare significativamente gli accantonamenti per assorbire eventuali perdite future sui prestiti, tuttavia la loro elevata profittabilità gli permetterà di farlo senza ricorrere a interventi di rafforzamento patrimoniale. 

Per queste ragioni non riteniamo che le dinamiche in atto possano produrre uno scenario di stress finanziario nei conti delle banche europee, tuttavia le notizie e i rumors sulle prospettive dell’economie turca continueranno a pesare negativamente sulle quotazioni di Borsa degli istituti maggiormente esposti al Paese come BBVA e Unicredit.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Johann Scholtz  E' Equity Analyst di Morningstar.