Benvenuti sul nuovo sito Morningstar.it! Scopri quali sono i cambiamenti e come le nuove funzionalità ti possono aiutare ad avere successo negli investimenti.

Italia, il vero pericolo sono i debiti bancari

Nonostante il rapporto deficit/Pil previsto dalla legge di bilancio rispetti il patto di stabilità, il mercato non si fida del Governo e lo spread sale sopra i 270 pb. La preoccupazione degli analisti è la nuova crescita dei crediti insoluti nei bilanci degli istituti finanziari.

Johann Scholtz 28/09/2018 | 16:55

“Non abbiamo paura dei mercati e dello spread”, hanno dichiarato ieri i parlamentari dell’area di maggioranza e il Governo italiano alla presentazione della nuova legge di bilancio. Oggi all’apertura delle Borse il differenziale dei decennali italiani è salito sopra quota 270 punti base e Piazza Affari cede quasi il 4% affossata dalle vendite sui bancari. 

A maggio abbiamo evidenziato i rischi per il settore bancario delle politiche economiche del nuovo Governo a maggioranza M5S e Lega. Ieri, l’Esecutivo ha presentato la legge di bilancio che prevede un deficit del 2,4% nei prossimi tre anni. Questo è ancora al di sotto rispetto al tetto massimo del disavanzo del 3% previsto dal Patto di Stabilità, ma il mercato sembra aver paura dell’effetto sui conti pubblici prodotto dall’aumento della spesa da parte dello Stato. Anche perché nella manovra sono stati inseriti i tre interventi più controversi quali: la riduzione dell'età pensionabile, l’attuazione del reddito di cittadinanza e il taglio delle tasse. A questo, poi, si aggiunge lo scetticismo attorno alle stime sulla futura crescita del Pil del Paese.

A nostro avviso, comunque, la principale minaccia per l’economia italiana è costituita dalla formazione di nuovi crediti insoluti (NPL) da parte delle banche. Negli ultimi due o tre anni, un contesto economico relativamente favorevole ha consentito agli istituti di credito, in particolare a Intesa e Unicredit, di smaltire una parte significative dei propri NPL. Con l’aumento dello spread le banche italiane dovranno aumentare i loro tassi di interesse per i prestiti concessi alle imprese e questo rischia di produrre nuovi crediti insoluti.  Il problema, però, sarà che in questo scenario gli istituti avranno una minor capacità di assorbire il peso delle svalutazioni dei crediti deteriorati e anche il mercato secondario dei NPL italiani sarà meno liquido. 

 

Per il momento gli analisti mantengono invariato il fair value di Unicredit, Intesa Sanpaolo e Mediobanca e la valutazione sul loro Economic moat (pari ad assente).

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Intesa Sanpaolo2,34 EUR-0,45
Mediobanca SpA10,28 EUR-0,39
UniCredit SpA12,44 EUR-0,24

Info autore

Johann Scholtz  E' Equity Analyst di Morningstar.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar