Benvenuti sul nuovo sito Morningstar.it! Scopri quali sono i cambiamenti e come le nuove funzionalità ti possono aiutare ad avere successo negli investimenti.

Il mercato sconta il tabacco

Il calo dei volumi di vendita ha alimentato il pessimismo degli investitori sulle prospettive del settore. Ma, secondo gli analisti di Morningstar, la redditività resta alta e non mancano i titoli in grado di creare rendimento.

Francesco Lavecchia 09/10/2018 | 14:22

Le sigarette sono fuori moda? In Borsa parrebbe di sì, guardando le performance delle grandi corporation del tabacco che, da gennaio, hanno perso quasi il 20% della loro capitalizzazione (in euro al 3 ottobre 2018). Il comparto sta attraversando una fase di grande trasformazione che rischia di modificare i rapporti di forza all’interno del settore. Ma, secondo gli analisti di Morningstar, il mercato sembra essere troppo pessimista.

“Anche dopo il debutto delle sigarette di nuova generazione eravamo convinti che le aziende sarebbero state in grado di trasferire la forza dei proprio brand ai nuovi prodotti, ma gli ultimi dati ci dimostrano che il crescente numero di alternative fornite ai consumatori sta avendo l’effetto di svalutare il valore dei marchi e quindi di erodere la posizione di vantaggio di molte big del settore. Inoltre, il calo dei volumi di vendita riduce le economie di scala e dunque la redditività del capitale delle aziende”, dice Philip Gorham analista azionario di Morningstar. 

Perché essere ottimisti
“Nonostante le prospettive del settore non siano rosee, siamo però convinti nel confermare il rating Wide Moat (vantaggio competitivo ampio) per le big del settore come British American Tobacco, Imperial Brands, Philip Morris e Japan Tobacco. I margini di profitto delle due società potrebbero registrare una contrazione ma la redditività del capitale si manterrà in eccesso rispetto al costo dello stesso. Il prezzo delle sigarette continua a viaggiare su livelli elevati e ci sono molti mercati in cui ci si aspetta un ulteriore rialzo. Cosa che più che compenserebbe la flessione dei volumi di vendita”.

Il mercato sembra aver prezzato nelle sue valutazioni uno scenario molto pessimista, ma secondo gli analisti di Morningstar le aziende del settore hanno buone potenzialità di creare valore per gli azionisti e individuano in Imperial Brands e Phillip Morris International le due migliori idee di investimento. Entrambi i titoli hanno un Economic moat elevato e sono scambiati a un tasso di sconto superiore al 20% rispetto al fair value (report aggiornati al 21 settembre 2018).

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
British American Tobacco PLC2.663,50 GBX-0,69
Imperial Brands PLC1.863,00 GBX1,36
Japan Tobacco Inc2.402,00 JPY0,44
Philip Morris International Inc80,55 USD0,88

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar