Stiamo facendo lavori di ordinaria manutenzione del sito, per cui potrebbero esserci momentanei e intermittenti interruzioni nel funzionamento. Ci scusiamo per il disguido e ti ringraziamo per la pazienza.

Idee per diversificare il portafoglio

Uno dei primi passi per ridurre il rischio da eccessiva concentrazione del proprio investimento è quello di distribuire geograficamente gli impieghi di capitale. Ecco alcune stock che permettono di ampliare il raggio di esposizione ai mercati azionari.

Francesco Lavecchia 03/10/2017 | 14:48
Facebook Twitter LinkedIn

Diversificare il portafoglio è necessario. Farlo con un occhio al mappamondo è una delle opzioni a disposizione dell’investitore poiché riduce il rischio legato all’andamento economico di un singolo paese o regione, anche se espone alla fluttuazione dei tassi di cambio.

Millicom per esporsi all'America latina
Il titolo Millicom International Cellular permette un buon posizionamento sul mercato dell’America latina. Il gruppo telefonico e media svedese ha infatti deciso di focalizzare la sua attenzione sui paesi di questa regione riuscendo in questo modo ad operare senza la pressione di una eccessiva concorrenza e a realizzare elevate economie di scala. Millicom è presente anche in molti paesi africani, nei quali invece, può beneficiare del basso tasso di penetrazione dei servizi di telefonia mobile.

L’azienda cerca di realizzare economie di scala maggiori in Africa, attraverso nuove acquisizioni, e di allargare il paniere di servizi in America latina in modo da proporre sul mercato un’offerta di prodotti integrata. Il titolo è scambiato attorno alle 545 corone svedesi (SEK), a un tasso di sconto del 20% rispetto al fair value di 670 SEK (report aggiornato al 2 agosto 2017)

Embraer per puntare sul Brasile
Per un’esposizione mirata su un singolo paese del Sud America, Embraer permette di investire sulla ripresa del Brasile. Il gruppo brasiliano riesce a generare margini di profitto superiori alla media grazie alla leadership mondiale nella produzione di aeromobili regionali (quelli da 70 a 130 posti a sedere) e al forte posizionamento nel mercato della difesa. L’azienda competete con Bombardier, Mitsubishi, Sukhoi e Comac nel segmento 70-130, ma è riuscito a conquistare una fetta di mercato importante grazie alla qualità e alla tecnologia all’avanguardia dei suoi prodotti.

Nei prossimi due anni il gruppo continuerà a pagare i vincoli di spesa del Governo carioca, ma gli analisti si aspettano un’accelerazione del tasso di crescita dei ricavi dal 2019 in poi. Negli ultimi tre mesi il titolo (l’ADR quotata sul Nyse) ha guadagnato oltre il 20% (in euro al 2 ottobre 2017), ma continua a essere scambiato a un tasso di sconto del 20% rispetto al fair value di 29 dollari (report aggiornato al 21 agosto 2017).

Luxottica per la ripresa di Usa ed Europa
Luxottica può essere una buona scelta per cavalcare la ripresa del Vecchio continente e degli Usa. Il gruppo italiano ricava circa l’80% del suo fatturato in queste due regioni e il suo titolo è scambiato a un tasso di sconto del 12% rispetto al fair value di 54 euro (report aggiornato al 9 agosto 2017).

La fusione con Essilor (sulla quale però la Commissione europea ha annunciato di aver aperto una indagine) potrebbe ulteriormente rafforzare la posizione di vantaggio all’interno del settore di Luxottica che, grazie a elevate economie di scala, una forte integrazione verticale, brand di assoluto valore, come Ray-Ban e Oakley e a un’estesa rete di distribuzione, riesce a realizzare margini di profitto superiori alla media e flussi di cassa generosi.

China Mobile leader nel mercato domestico
Per gli investitori che vogliono puntare sulla crescita dei consumi in Cina, China Mobile è un titolo da prendere in considerazione. Il gruppo telecom, controllato dal Governo di Pechino, è leader assoluto nel segmento mobile in Cina (con una quota di mercato del 60%) e si candida a raccogliere i frutti del passaggio dalla tecnologia 3G a quella 4G e dell’espansione del mercato del traffico dati, ancora in forte ritardo rispetto a quello dei paesi sviluppati.

Gli analisti si aspettano che l’azienda benefici anche dalla decisione del Governo di cancellare il provvedimento legato alla riduzione delle tariffe e che il suo fatturato possa crescere a un tasso medio del 4% nei prossimi cinque anni. Il titolo è scambiato al momento attorno ai 79 dollari di Hong Kong (HKD) a un tasso di sconto del 25% rispetto al fair value di 103 HKD (report aggiornato al 10 agosto 2017). 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia