Fondi poco attivi? Le mosse delle Consob europee

In Norvegia, c’è stato l’intervento più forte. In Italia, prosegue il monitoraggio dell’autorità di vigilanza. La Francia critica i metodi usati dall’Esma.

Sara Silano 19/01/2017 | 11:00

Closet tracker, ovvero fondi che sono gestiti seguendo quasi fedelmente l’indice, ma hanno i costi di una gestione attiva. Un anno fa, l’Esma, autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati, aveva pubblicato uno studio, secondo il quale il 15% degli azionari “attivi” avrebbe potuto essere classificato come semi-passivo. Siccome uno dei suoi obiettivi primari è la tutela degli investitori, l’authority sollecitava ulteriori indagini da parte delle Consob locali ed eventuali azioni comuni per aumentare la trasparenza da parte degli operatori di mercato.

Il caso norvegese
Dopo un anno, il tema continua a essere al centro dell’attenzione. La Norvegia è probabilmente il paese dove ci sono state le conseguenze maggiori. L’autorità di vigilanza ha pubblicamente ripreso DNB, la principale società di gestione, perché applicava commissioni troppo elevate sul suo più grande fondo azionario norvegese, nonostante avesse un active share (misura di quanto il portafoglio si discosta dall’indice) basso. L’asset manager ha quindi provveduto a ridurre i costi e aumentare la gestione attiva. Ma la vicenda non si è conclusa così. Recentemente, l’autorità di tutela dei consumatori ha vinto la causa, intentata per conto di 180 mila clienti del fondo, per il risarcimento dei danni.

I paesi nordici, in particolare Svezia e Irlanda, oltre alla Norvegia, sono stati i primi ad incrementare i controlli sui cosiddetti closet tracker. Recentemente il regulator di Stoccolma ha reso noti alcuni nomi di società con fondi a basso active share, non dando, però, una precisa descrizione delle caratteristiche prese in considerazione.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies