Le due facce degli alternativi

In Europa sono stati il segmento dell’industria dei fondi a più alta crescita nel 2015. Negli Stati Uniti, una trentina sono stati chiusi e gli investitori sono diventati più freddi verso questi prodotti. Quali sono i rischi degli eccessi.

Sara Silano 14/01/2016 | 10:18
Facebook Twitter LinkedIn

Non ci sono ancora i dati al 31 dicembre, ma possiamo già dire che il 2015 in Europa è stato l’anno dei fondi alternativi. Il tasso di crescita organica (i flussi in percentuale del patrimonio iniziale) è stato del 24,87%, il più elevato nell’industria europea (a fine novembre). Nei primi undici mesi i flussi netti sono stati di 71,4 miliardi di euro, secondi solo ai bilanciati (+143,5 miliardi).

Usa in pausa
Fin qui la storia europea. Negli Stati Uniti, i fondi che adottano strategie simili agli hedge fund hanno conosciuto un’altra dinamica nel 2015. “Investors and fund companies press the pause button”, scrive Josh Charlson, analista di Morningstar. Tradotto, significa che investitori e società di gestione hanno “premuto il tasto pausa”.

Negli anni scorsi, molti gestori di prodotti speculativi erano entrati nell’arena dei fondi comuni attratti dalla possibilità di aumentare la base clienti e i profitti. Ma i risultati sono stati deludenti. Studi più approfonditi diranno quali sono state le cause. Tra i “sospettati” ci sono la turbolenza dei mercati finanziari, la difficoltà di replicare le strategie con i vincoli posti dalla normativa e l’operatività con calcolo giornaliero della quota. Nel frattempo, arrivano le prime notizie di chi abbandona il campo. Whitebox Advisors, noto hedge fund di Minneapolis entrato nell’arena dei fondi comuni nel 2011 sulla scia della notorietà del fondatore Andrew Redleaf, ha annunciato che chiuderà i suoi comparti liquide alternative, dopo un 2014 sottotono e un 2015 fortemente in rosso.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies