Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Il sell-off rende più interessante FCA

Il titolo del gruppo italo-americano ha chiuso ieri a -5% e ora è scontato del 30% rispetto al fair value Morningstar. Secondo gli analisti è l’occasione per posizionarsi anche su Ferrari a prezzi convenienti. 

Francesco Lavecchia 22/10/2015 | 11:51
Facebook Twitter LinkedIn

Fiat Chrysler Automobiles rischia di essere l’eterna incompresa. Nel giorno del debutto di Ferrari a Wall Street, il titolo della capogruppo cede oltre il 5% e ora è scambiato a un tasso di sconto di circa il 30% rispetto al fair value Morningstar pari a 20 euro.

“La perdita in termini di capitalizzazione di mercato per FCA all’indomani dello sbarco in Borsa da parte del Cavallino è stato di circa 1,1 miliardi di euro, grossomodo pari all’ammontare raccolto dalla collocazione in Borsa del 10% della controllata. Sembra quindi che il mercato abbia provveduto a  sottrarre immediatamente il valore della quota di Ferrari, anche perché l’altra notizia di giornata relativa a FCA è stata quella legata alla condanna da parte dell’Unione europea al pagamento di 30 milioni di euro di tasse arretrate (un importo irrisorio per la Casa automobilistica italo-americana)”, dice Richard J. Hilgert analista azionario di Morningstar.

Fair value confermato a 20 euro
“La decisione di confermare il fair value di FCA a quota 20 euro deriva dal fatto che la liquidità raccolta dall’Ipo è andata direttamente nelle casse della capogruppo. Quindi il valore del gruppo non è cambiato. Le cose saranno diverse quando si realizzerà lo spin-off di Ferrari, previsto per l’inizio del prossimo anno. Alle attuali quotazioni di mercato, il valore dell’80% del capitale sociale del Cavallino detenuto da FCA ammonterebbe a cinque euro. Quindi in quel caso il fair value del Fiat Chrysler Automobiles scenderebbe a 15 euro per azione”.

Considerato il successo dell’Ipo del Cavallino, il sell-off di ieri può essere considerata dagli investitori come un’occasione per esporsi su FCA e Ferrari a prezzi convenienti.

La Casa di Maranello è stata collocata a 52 dollari, nella parte alta della forchetta (compresa tra 48 e 52 dollari), ed è subito schizzata a 60 dollari per poi chiudere a quota 55, registrando un guadagno del 5,8%.

 

Per leggere l'analisi completa su Fiat Chrysler Automobiles clicca qui.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia